Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

EVADONO IN TRE DAL CARCERE MESSINESE

EVADONO IN TRE DAL CARCERE MESSINESE

I detenuti del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto hanno divelto una inferriata della palestra e sono fuggiti, erano stati arrestati per droga.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

EVADONO IN TRE DAL CARCERE MESSINESE –

Evasi dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto tre detenuti italiani, tutti originari del messinese. Lo hanno comunicato i responsabili del sindacato della polizia penitenziaria Osapp. Gli evasi dovevano scontare pene comprese tra cinque e sei anni per reati legati alla tossicodipendenza. I detenuti hanno divelto una inferriata della palestra e si sono dileguati.  Sono in corso le ricerche della Polizia Penitenziaria dell’istituto di pena alle quali partecipano anche agenti liberi dal servizio.
I responsabili Osapp con una nota comunicano: «Per quanto ci è dato di conoscere, in questo momento la situazione delle carceri italiane è tutt’altro che normale come invece dichiarato da alcuni dei vertici dell’attuale amministrazione penitenziaria agli organi di informazione anche televisivi. Le attuali evasioni, frutto di una politica penitenziaria dissennata che mette il detenuto al centro di ogni possibile diritto e concessione anche se non meritati, a discapito del personale di polizia penitenziaria, mettono a rischio soprattutto la civile convivenza e la sicurezza dell’inermi cittadini”.
Donato Capece, segretario generale del sindacato autonomo polizia penitenziaria Sappe evidenzia che: «I tre detenuti sono evasi da una struttura che era un ospedale psichiatrico giudiziario e non è mai stata adeguata alla sicurezza di un penitenziario, come chiese il ‘Sappe’ fin da subito nell’indifferenza generale. Non è un caso che siano fuggiti da un’area che non ha video sorveglianza, da una realtà che ha visto andare in pensione in poco tempo 50 poliziotti penitenziari senza che venissero rimpiazzati». Poi aggiunge: «Le carenze strutturali erano state più volte rappresentate dal Sappe, con espressa richiesta di adeguamento di lavori, ma sono rimaste inascoltate. Proprio per protestare contro l’inerzia dell’amministrazione penitenziaria, il sindacato ha rifiutato di firmare accordi di lavoro con la direzione del carcere di Barcellona Pozzo di Gotto.
Conclude il segretario Capece: «Ora bisogna catturare i tre evasi, ma l’evasione dal carcere di Barcellona Pozzo di Gotto ha responsabilità ben precise Cercate i colletti bianchi. Da quando sono stati introdotti nelle carceri vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto sono decuplicati gli eventi critici».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook