Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BLATTE NELLA CUCINA DI UN NOTO LIDO DI ACI CASTELLO

BLATTE NELLA CUCINA DI UN NOTO LIDO DI ACI CASTELLO

Agenti di polizia hanno effettuato controlli in un noto stabilimento balneare di Aci Castello. Il laboratorio è stato chiuso per le pessime condizioni igienico-sanitarie. Riscontrate irregolarità negli alimenti e contemporaneamente sono state elevate Sanzioni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BLATTE NELLA CUCINA DI UN NOTO LIDO DI ACI CASTELLO –

Operazione di controllo della Polizia di Catania, in collaborazione con personale dell’Asp, in un conosciuto stabilimento balneare di Aci Castello. La struttura e i servizi sono gestiti da tre differenti società che si occupano distintamente dello stabilimento balneare, del parcheggio del lido e del bar ristorante.
Gli agenti durante i controlli hanno verificato le pessime condizioni igienico-sanitarie di tutti i locali di lavorazione, della cucina, del deposito, degli spogliatoi e dei wc dei dipendenti. Trovate blatte all’interno del locale laboratorio alimentare: per tali ragioni, è stato emesso provvedimento di sospensione dell’attività. Il titolare, inoltre, è stato sanzionato per la mancanza d’igiene nei locali.
Controlli anche sugli alimenti e la tracciabilità. All’interno di un congelatore, sono stati trovati alimenti, tra cui verdure e pasta fresca surgelati all’origine, non segnalati come tali nei menù. Fatto ancor più grave sono stati trovati svariati chili di “pesce ghiaccio”, una qualità di pesce pescato in acque dolci della regione cinese, in realtà, contrassegnato nel menù come novellame. Il titolare è stato anche indagato in stato di libertà per frode nell’esercizio del commercio.
Gli estintori presenti nell’attività di ristorazione sono risultati scaduti, gli spogliatoi per i dipendenti inadeguati e le vie di circolazione e luoghi di passaggio all’interno del bar ingombrati. Infine, è stata riscontrata la presenza nel banco espositore di vari biscotti e prodotti ortofrutticoli del quale il titolare non è stato in grado di fornire alcun documento di provenienza. Così è scattata la sanzione per mancata tracciabilità di alimenti. Tutti gli alimenti posti sul bancone-bar ai fini della vendita, poiché prodotti in un laboratorio contaminato da blatte e sporcizia, sono stati distrutti.
Per quanto riguarda, invece, lo stabilimento balneare, il titolare è stato indagato poiché nel corso del sopralluogo non è stata riscontrata l’idoneità degli spogliatoi per il personale dipendente. Il titolare dello stabilimento è stato altresì invitato ad adottare i necessari accorgimenti per alcune anomalie riscontrate nella raccolta dei rifiuti.
Quanto al parcheggio, il titolare della società che lo gestisce è stato sanzionato dai vigili urbani di Acicastello al pagamento della sanzione amministrativa di 1.549 euro poiché privo di Scia (certificato di segnalazione di inizio attività). Sono stati, infine, individuati in totale 12 dipendenti che, al momento del controllo, non sono stati in grado di fornire i contratti di lavoro: la loro posizione verrà vagliata dagli uffici competenti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook