Archiviato in | Politica, Politica Regionale

VOTO DIRETTO PER LE ‘EX PROVINCE’, SÌ IN COMMISSIONE ARS

VOTO DIRETTO PER LE ‘EX PROVINCE’, SÌ IN COMMISSIONE ARS

Dopo quasi quattro anni dall'annuncio del presidente della Regione Rosario Crocetta, l'opposizione accoglie con entusiasmo il via libera a un disegno di legge che ripristina il coinvolgimento dei cittadini nella scelta dei vertici politici degli enti che ricoprono una vasta area.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

VOTO DIRETTO PER LE ‘EX PROVINCE’, SÌ IN COMMISSIONE ARS –

La commissione Affari istituzionali dell’Ars ha dato il via libera a un disegno di legge che ripristina le elezioni dirette dei consiglieri, dei sindaci metropolitani e dei Liberi consorzi. Così, dopo quasi quattro anni dall’annuncio di Rosario Crocetta, l’opposizione accoglie con entusiasmo il via libera a un disegno di legge che ripristina il coinvolgimento dei cittadini nella scelta dei vertici politici degli enti che ricoprono una vasta area. Inoltre, i deputati propongono anche un compenso per gli eletti a differenza di quanto normato nella legge Delrio. Così, fatta eccezione per la riduzione del 30 per cento del numero dei consiglieri si potrà anche smettere di chiamarle ‘ex Province’ perchè del resto, forse, tanto diverse non lo saranno.
La proposta, che secondo Forza Italia rimette al centro la volontà dei cittadini qualora ottenesse il via libera da Sala d’Ercole, si trasformerebbe in una sonora sconfitta della ‘rivoluzione’ promessa dal presidente Crocetta. Quattro anni fa, lo stesso, aveva annunciato la riforma come primo passo verso il cambiamento, ma da allora tutto è rimasto fermo. Anzi la storia politica di questa legislatura è stata segnata da impugnative del governo nazionale, dietrofront dei partiti, continui rinvii. E nello stesso tempo si è rilevata una progressiva riduzione della qualità dei servizi erogati, a partire dalla difficoltà di pianificare gli interventi e di recuperare le somme necessarie per la loro realizzazione. Tant’è che l’assessore regionale Maria Luisa Lantieri, a gennaio, aveva ammesso il rischio di default per tutti gli enti.
La norma come anzi specificato, prevede un ritorno alle origini, come l’apertura dei seggi elettorali ai cittadini e non più ai consiglieri dei singoli Comuni – specificando il mese di febbraio come termine ultimo per votare. Previsto inoltre, il ripristino del gettone di presenza per i consiglieri provinciali che, stando a quanto previsto dalla norma, percepiranno lo stesso compenso che spetta ai colleghi dei Comuni capoluoghi. Stesso trattamento per i presidenti dei Liberi consorzi e i sindaci metropolitani, che in termini di indennità saranno equiparati ai primi cittadini dei capoluoghi.
E’ chiaro che quest’ultimo punto contraddice quanto previsto dalla legge Delrio che nelle altre regioni italiane ha cambiato la gestione degli enti che ricoprono una vasta area, abolendo i compensi, e che, fino a poco tempo fa, veniva letta come una forma alleggerita della riforma rappresentata da Crocetta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook