Archiviato in | Musica, Spettacolo

PRESENTATA AL BELLINI DI CATANIA LA CARMEN DI JOSÈ PEREZ – INTERVISTE

PRESENTATA AL BELLINI DI CATANIA LA CARMEN DI JOSÈ PEREZ – INTERVISTE

Presentata ieri nel foyer del Teatro Massimo Bellini una inedita co-produzione con ‘Futuro Danza Palermo’ della Carmen con le misiche di Bizet secondo una particolare idea di Josè Perez che andrà in scena sabato 15 luglio al Teatro Antico di Taormina. Sul palco a interpretare la bella Carmen, la ballerina catanese Chiara Amazio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRESENTATA AL BELLINI DI CATANIA LA CARMEN DI JOSÈ PEREZ – INTERVISTE –

Ieri la conferenza stampa di presentazione della Carmen, novella di Prosper Mérimée, pubblicata nel 1845, da cui è tratta l’omonima opera di Georges Bizet. L’incontro si è svolto nel foyer del Teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania presieduto dal professor Roberto Grossi Sovrintendente dell’Ente. Presenti José Perez,  ballerino Mediaset, Etoile del balletto nazionale di Cuba, l’assessore Anthony Barbagallo e la presidentessa dell’associazione Futuro Danza Simona Filippone che hanno partecipato e risposto alle domande dei numerosi giornalisti intervenuti e riguardanti lo spettacolo che si terrà al Teatro greco di Taormina dal titolo Carmen su musiche di Bizet.
Era presente anche la prima ballerina catanese Chiara Amazio e tra il pubblico giovanissimi ballerini siciliani che faranno parte del corpo di ballo di questa bellissima opera. L’iniziativa del tutto nuova si aggancia alla modernità delle coreografie riviste da Josè Perez riproposte per la cornice del teatro greco di Taormina sabato 15 luglio 2017. la giovane ballerina Chiara Amazio ha detto: «Oggi per me  è un grande onore ballare e provare in un teatro come il Bellini».
Il celebre coreografo, Josè Perez che ha ideato l’interpretazione e l’allestimento in chiave moderna del capolavoro operistico di Georges Bizet ha voluto sul palcoscenico una compagnia di giovanissimi ballerini, tutti siciliani. Le musiche saranno eseguite dal vivo dall’orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania diretta dal maestro Stefano Salvatori. Un connubio non sempre facile da realizzare come hanno sottolineato ieri i presenti. Di Balletti ispirati a “Carmen” se ne sono realizzati diversi, ma questo sarà molto particolare. Una rilettura in chiave che si pone come ponte tra passato e presente in cui è centrale il nodo dei sentimenti emotivi come ha dichiarato al nostro giornale Roberto Grossi, sovrintendente del teatro Massimo Bellini di Catania. “Quando si allestiscono questi spettacoli si chiamano le grandi compagnie internazionali togliendo così opportunità ai giovani siciliani che hanno studiato. La peculiarità di questo balletto è invece la sinergia con la fondazione Futuro danza Palermo. In questa visione abbiamo fatto un bando pubblico, ci tengo a sottolinearlo, per selezionare i talenti e formare la compagnia del balletto. Vogliamo essere un ente che produce opportunità. E la scelta del luogo di rappresentazione non a caso è caduta su Taormina, dove finalmente possiamo dire che tornerà la danza”.
nasce appunto da un’idea del coreografo cubano Josè Perez che interpreterà il ruolo di Don José e vuole essere una rivistazione moderna della Carmen in programma per il 15 luglio a Taormina sempre per il nostro giornale in una intervista Perez ha sottolineato: «Ho fatto tanto nella mia vita ma il mio obiettivo è quello di aiutare e far crescere i giovani talenti italiani. Abbiamo voluto portare questo progetto non a caso a Catania, dove siamo stati accolti. Qui al Bellini viene rappresentata tanta arte, grandi opere, ma è giusto che si dia anche alla danza lo spazio che merita. Avremo inoltre il piacere di avere una ballerina catanese. Quando abbiamo fatto le selezioni non sapevamo che Chiara fosse di qui. Questo, dunque, ci riempie ancora di più di gioia».

A organizzare lo spettacolo è Simona Filippone, presidente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Culturale Futuro Danza Palermo e ballerina del Teatro massimo del capoluogo siciliano ha evidenziato: «Essendo una ballerina del Teatro Massimo di Palermo – ha spiegato – ragiono come tale, ecco perché il mio obiettivo è quello di valorizzare la danza e le potenzialità umane artistiche e culturali siciliane. La scelta di proporre qui a Catania la rappresentazione dello spettacolo Carmen di Perez nasce proprio dal desiderio di portare la danza laddove manca. Aver avuto poi la possibilità di interagire con un sovraintendete come Grossi che ha voluto investire su questo progetto per noi rappresenta una grande opportunità”. Abbiamo creato una giovane compagnia di danza siciliana puntando su nuove leve per dare loro inoltre la possibilità di vivere una forte esperienza lavorativa sul palcoscenico insieme a dei professionisti. Questo è quello che facciamo. Il mio desiderio è mettere in sicurezza la danza nel mio piccolo . Sono molto emozionata e fiera di questi giovani ballerini. In un mese la loro crescita artistica è stata straordinaria, mi auguro che insieme continueremo a sostenere la danza».
Carmen, la bella e dolce sigaraia, intrepretata da Chiara Amazio, 19 anni appena compiuti, si distingue come donna diversa, molto sicura, che vuole tutte le attenzioni su di sé. È sfrontata, cosciente della sua bellezza, non si lascia condizionare da nulla, e non cede a compromessi, neanche quando va incontro al suo destino.
Lo spettacolo, tratto da un racconto di Merimée con le musiche di Bizet, è stato inserito nell’ambito del progetto Anfiteatro Sicilia dell’assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo in collaborazione con l’assessorato ai Beni Culturali.  Anthony Barbagallo assessore regionale al Turismo e spettacolo ha voluto sottolineare nell’intervista per informaSicilia che vi proponiamo che: «Il prezzo del biglietto della Carmen, sarà 20 euro, un prezzo più che popolare e rappresenta lo spirito delle iniziative contenute in Anfiteatro Sicilia. Questo balletto rappresenta un grande segnale per le eccellenze della Sicilia e per la danza a cui finalmente ridiamo linfa».

Pietro Gorgone

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook