Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

NON ERA INFARTO MA OMICIDIO, SCOPERTI E ARRESTATI

NON ERA INFARTO MA OMICIDIO, SCOPERTI E ARRESTATI

Finisce in manette dopo 15 anni, Barbara Bergamo. La donna avrebbe pagato un sicario con 20mila euro e una Bmw per uccidere il compagno. Un nuovo collaboratore di giustizia riapre il caso della morte per infarto di Santo Giuffrida, imprenditore deceduto nel 2002.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

NON ERA INFARTO MA OMICIDIO, SCOPERTI E ARRESTATI –

Il gip di Catania ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare eseguita dai carabinieri per Barbara Bergamo compagna dell’imprenditore sessantenne Santo Giuffrida morto 15 anni fa. La donna avrebbe assoldato un sicario per far uccidere con un’iniezione letale il 10 dicembre del 2002 il compagno che finora si credeva morto per un infarto. Con questa accusa è stata arrestata a Misterbianco la Bergamo 43 anni e con lei altre tre persone. Ad aprire le indagini sull’omicidio sono state le dichiarazioni del neo-collaboratore di giustizia Luciano Cavallaro.
L’operazione è stata denominata “Circe”. La Bergamo è stata posta agli arresti domiciliari perché madre di un bambino minore dei sei anni di età, mentre sono finiti in carcere Francesco Giuseppe Indorato, 49enne di Catania, Antonio Zuccarello, 51enne di Santa Maria di Licodia, e Alfio Maugeri, 44enne di Misterbianco.
Indorato è accusato di tentativo di omicidio. La donna sarebbe stata anche mandante di un primo tentativo di assassinare dell’uomo, compiuto nel 2001. Avrebbe dato l’incarico a Cavallaro, che avrebbe a sua volta incaricato dell’esecuzione materiale un suo conoscente, Indorato. Quest’ultimo avrebbe aggredito con un coltello la vittima all’interno del suo garage condominiale, ferendolo gravemente.
all’epoca dei fatti nessun elemento raccolto consentì agli investigatori di ritenere la donna coinvolta nell’accaduto e, sebbene Indorato fosse stato indagato, non furono acquisite sufficienti prove per un rinvio a giudizio. A distanza di quasi un anno dal ferimento, la donna avrebbe nuovamente chiesto a Cavallaro l’uccisione del compagno, pagando in cambio, questa volta 20mila euro e acquistando per lo stesso Cavallaro una Bmw. In questa seconda occasione l’omicidio sarebbe stato pianificato con maggior cura e Cavallaro avrebbe coinvolto Maugeri e Zuccarello.
Così, la notte tra il 9 e il 10 dicembre del 2002 i tre si sarebbero introdotti con la collaborazione della donna nell’abitazione di Giuffrida e dopo avergli iniettato una sostanza velenosa lo avrebbero soffocato. La Bergamo avrebbe successivamente inscenato la morte naturale di Giuffrida senza che sorgessero sospetti su quanto realmente era accaduto.
Dopo le dichiarazioni di Cavallaro sono partite le indagini degli investigatori dei carabinieri di Catania che, attraverso una serie di intercettazioni e di registrazioni video, hanno composto i tasselli trovando riscontri precisi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook