Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DECAPITATO CLAN SCALISI DI ADRANO, 39 ARRESTI

DECAPITATO CLAN SCALISI DI ADRANO, 39 ARRESTI

Disarticolato il gruppo mafioso legato alla cosca etnea dei Laudani. Gli indagati piegavano i titolari delle attività commerciali locali con il racket delle estorsioni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DECAPITATO CLAN SCALISI DI ADRANO, 39 ARRESTI –

Su delega della Dda della Procura di Catania, gli agenti della polizia di Stato etnea ha eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di 39 presunti appartenenti al clan mafioso Scalisi di Adrano, collegato alla cosca Laudani di Catania. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, traffico di droga, tentato omicidio, estorsione, rapina, furto, ricettazione, danneggiamento. Il provvedimento è stato eseguito dal personale della Squadra Mobile di Catania e dal Commissariato di Adrano. L’operazione ha consentito di disarticolare la cosca Scalisi, azzerandone i vertici.
Le prove acquisite dagli investigatori hanno consentito di verificare come la “famiglia mafiosa” estorceva denaro ai titolari della gran parte delle attività commerciali di Adrano, in primo luogo tra gli imprenditori del mercato ortofrutticolo.
Nonostante fosse detenuto, il boss Giuseppe Scarvaglieri, capo del clan Scalisi, continuava dal carcere a mantenere la leadership del gruppo impartendo ordini e disposizioni. Il boss continuava a essere, come riferito da un collaboratore di giustizia, ‘l’autorità suprema del gruppo’, che, oltre a compiere rapine ed estorsioni, imponeva una sorta di ‘dazio’ ai fornitori di generi alimentari che volevano fare entrare la loro merce ad Adrano e in particolare nel mercato ortofrutticolo del paese. Il gruppo inoltre compiva attentati intimidatori sia per costringere gli imprenditori a pagare sia a pagare di più.
Sono finiti in carcere: Giuseppe Scarvaglieri, 49 anni, inteso “Pippu ‘u zoppu”; Pietro Maccarrone, 48 anni, inteso “Fantozzi o Occhialino”; Alfredo Mannino, 53 anni, inteso “‘u Caliaru”; Vincenzo Biondi, 40 anni, inteso “Enzo Trevi”; Giuseppe Mannino, 54 anni, inteso “’u Caliaru”; Claudio Zermo, 37 anni, inteso “Ficaruni”, tratto in arresto a Genova; Salvatore Severino, 38 anni, inteso “‘u Cunigghiu”; Pietro Severino, 60 anni, inteso “‘u Trummutu”; Salvatore Di Primo, 26 anni, inteso “Pisciavinu”; Biagio Mannino, 30 anni, inteso “’u Caliaru”; Alfredo Bulla, 33 anni, inteso “’a Zotta”; Alessio La Manna, 29 anni; Massimo Merlo, 45 anni; Roberto Alongi, 41 anni; Antonino Furnari, 21 anni, inteso “Ogghiu Vecchiu”; Agatino Leanza, 23 anni; Antonino Leanza, 21 anni, inteso “Pasticcino”; Carmelo Scafidi, 50 anni, inteso “Testa rossa”; Nicola Santangelo, 41 anni, inteso “Cola’ a niura”; Agatino Perni, 40 anni; Giuseppe Maccarrone, 29 anni; Pietro Castro, 20 anni; Vincenzo Valastro, 22 anni, inteso “‘a Giraffa o Enzu ‘u longu”; Vincenzo Pellegriti, 23 anni; Salvatore Scafidi, 20 anni, inteso “Testa rossa”; Sebastiano Salicola, 28 anni, inteso “Sebi”; Giuseppe Sinatra, 22 anni; Angelo Bulla, 42 anni, inteso “’a Zotta”; Mauro Giuliano Salamone, già Mauro Giuliano Raciti, 26 anni, inteso “L’indianu”; Angelo Calamato, 37 anni; Giuseppe Pietro Lucifora, 40 anni, inteso “Pietro Diecimila”; Alfio Lo Curlo, 25 anni, inteso “’u Patataru”; Maurizio Amendolia, 48 anni; Alfredo Pinzone, 53 anni; Massimo Di Maria, 39 anni; Emanuel Bua, 27 anni.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook