Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PARCO DIVERTIMENTI ETNALAND: GIOVANE SI SENTE MALE E MUORE

PARCO DIVERTIMENTI ETNALAND: GIOVANE SI SENTE MALE E MUORE

Ieri, un giovane di 22 anni ha perso la vita per cause naturali al parco divertimenti Etnaland dove si trovava con amici.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PARCO DIVERTIMENTI ETNALAND: GIOVANE SI SENTE MALE E MUORE –

Ieri un giovane di 22 anni ha perso la vita, per cause naturali, al parco divertimenti Etnaland. La notizia è stata divulgata attraverso la pagina facebook della struttura turistica.
Sulla pagina facebook del parco divertimenti che si trova in provincia di Catania si legge: «Abbiamo soccorso un giovane 22enne che mentre si accingeva a iniziare la sua giornata al Parco e prima ancora di provare un qualsiasi scivolo, ha accusato un malore legato alle sue personali condizioni di salute e che, purtroppo, si è rivelato fatale».
E ancora prosegue il post: «A nulla è valso l’impegno e la professionalità profuse da tutte le unità mediche presenti. Una giornata di divertimento non ancora iniziata si è trasformata per questa famiglia in disperazione e grande dolore, al quale tutti noi ci associamo. La vita a volte sa essere crudele».
Simone Trubia, era originario di Gela, soffriva di una grave cardiopatia ed era arrivato all’apertura dell’impianto, poco dopo le ore 10, in compagnia di alcuni amici. Un quarto d’ora dopo, ha iniziato a sentirsi male.
l’intervento è stato immediato, i due medici in servizio nella struttura hanno più volte tentato di rianimarlo ma purtroppo il giovane dopo circa 90 minuti non ce l’ha fatta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook