Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PITBULL AGGREDISCE BIMBO DI 20 MESI

PITBULL AGGREDISCE BIMBO DI 20 MESI

Il piccolo di 20 mesi è ricoverato in prognosi riservata al Policlinico per una grave per frattura alla teca cranica. L'aggressione si è consumata in un cortile condominiale. La Procura ha aperto un'inchiesta. i coniugi proprietari dell'animale sono stati denunciati.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PITBULL AGGREDISCE BIMBO DI 20 MESI –

Un bimbo di 20 mesi è stato aggredito da un pitbull. L’attacco del cane è avvenuto a Catania. L’animale lo ha morso alla testa procurandogli una frattura alla teca cranica.
Il piccolo trasportato d’urgenza al pronto soccorso è stato ricoverato nel reparto di neurochirurgia del Policlinico. I medici hanno riservato la prognosi. Secondo una prima ricostruzione, l’aggressione sarebbe avvenuta nel cortile condominiale dove abita la famiglia del bambino che stava giocando assieme a un ragazzino di sette anni.
L’animale era sotto controllo dei suoi due proprietari, che abitano nello stesso stabile. Ancora per motivi da spiegare il pitbull ha azzannato la piccola vittima. La mamma del bimbo e i presenti sono subito intervenuti per toglierlo delle fauci del pitbull.
Gli agenti dell’U.P.G.S.P hanno subito provveduto al sequestro preventivo del cane che è stato prelevato da personale dell’Asp e affidato in custodia a un canile.
Denunciati i coniugi proprietari del pitbull che restano in stato di libertà. L’accusa: lesioni personali colpose gravi, omessa custodia e malgoverno di animali. La Procura di Catania ha aperto un’indagine.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook