Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SANTAPAOLA A MESSINA: COINVOLTI FUNZIONARI E IMPRENDITORI, 30 ARRESTI

SANTAPAOLA A MESSINA: COINVOLTI FUNZIONARI E IMPRENDITORI, 30 ARRESTI

La cellula mafiosa sarebbe stata gestita dalla famiglia di Francesco e Vincenzo Romeo, cognato e nipote del boss Nitto. Turbativa d’asta, scommesse clandestine, interessi negli appalti pubblici, nell'autostrada Salerno-Reggio Calabria e ad Expo. Trenta ordini di custodia a Messina dove la mafia controllava anche le vendite di immobili al Comune.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SANTAPAOLA A MESSINA: COINVOLTI FUNZIONARI E IMPRENDITORI, 30 ARRESTI –

Stamane all’alba i Carabinieri del Ros e del comando provinciale di Messina coadiuvati da elicotteri e unità cinofile hanno eseguito un provvedimento di custodia cautelare nei confronti di 30 persone accusate di associazione mafiosa, estorsione, trasferimento fraudolento di valori, turbata libertà degli incanti, esercizio abusivo dell’attività di giochi e scommesse, riciclaggio e possesso illegale di armi.
I militari dell’Arma hanno disarticolato la cellula Santapaola a Messina. Tra gli arrestati sono coinvolti funzionari e imprenditori locali. Il gruppo sarebbe stato gestito dalla famiglia di Francesco e Vincenzo Romeo, cognato e nipote del boss Nitto, i quali avevano allargato gli interessi negli appalti pubblici, nell’autostrada Salerno-Reggio Calabria e ad Expo 91 0 0 Commenta MESSINA. Eseguito un provvedimento di custodia cautelare nei confronti di 30 persone accusate di associazione mafiosa, estorsione, trasferimento fraudolento di valori, turbata libertà degli incanti, esercizio abusivo dell’attività di giochi e scommesse, riciclaggio e possesso illegale di armi.
Le indagini dei carabinieri del Ros, diretti dalla procura peloritana, hanno consentito di accertare, per la prima volta, l’operatività nella città di Messina di una cellula di cosa nostra catanese, diretta emanazione della famiglia mafiosa dei Santapaola.
Secondo gli investigatori sono stati documentati gli interessi del sodalizio criminale nel settore immobiliare e degli appalti pubblici, in particolare le collusioni con funzionari dell’amministrazione comunale messinese per l’acquisizione di immobili da adibire successivamente ad alloggi popolari.
Inoltre secondo l’accusa sono stati anche evidenziati interessi illeciti nel settore delle scommesse calcistiche, dei giochi on line e delle corse clandestine dei cavalli.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook