Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CARABINIERI ANNIENTANO CLAN MAFIOSO, 54 ARRESTI – TUTTI I NOMI

CARABINIERI ANNIENTANO CLAN MAFIOSO, 54 ARRESTI – TUTTI I NOMI

“Turi Ciuri” e 'il Puffo' insieme ad altri 52 persone sono finiti nella rete dei carabinieri di Catania. L’operazione ha azzerato clan del quartiere di Catania San Giovanni Galermo. I figli "under 10" degli spacciatori incutevano paura agli adulti. Il gruppo era ritenuto tra i più affidabili dal boss Santapaola.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CARABINIERI ANNIENTANO CLAN MAFIOSO, 54 ARRESTI – TUTTI I NOMI

I carabinieri di Catania hanno condotto una operazione antimafia contro il gruppo mafioso del rione San Giovanni Galermo di Catania ritenuto tra i più affidabili e tenuto maggiormente in considerazione dal boss Benedetto Santapaola. Impegnati nel blitz più di 200 militari dell’Arma che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare del gip, emessa su richiesta della locale Dda della Procura, nei confronti di 54 persone indagate per associazione mafiosa, armi, traffico di stupefacenti, estorsione e rapina.
Si sono aperte le porte del carcere per: Giosuè Michele Aiello, di 24 anni, Domenico Buttafuoco, di 29, Mario Maurizio Calabretta, di 29, Andrea Nicolò Corallo, di 35, Mario Dilosà, di 42, Salvatore Fiore, di 50, Andrea Florio, di 23, Giorgio Freni, di 52, Francesco Furnò, di 29, Vincenzo Gigantini, di 50, Armando Giuffrida, di 37, Francesco Iuculano, di 31, Silvana Leotta, di 41, Salvatore Lo Re, di 30, Salvatore Mantarro, di 52, i fratelli angelo e Artur Miranda, rispettivamente di 53 e 56 anni, Francesco Lucio Motta, di 31, Corin Musumeci, di 22.
E ancora le matte sono scattate per: Desiree Musumeci, 18 anni; Domenico Musumeci, 48; Carmelo Palermo, 60; Salvatore Fabio Valentino Palermo, 37; Salvatore Ponzo, 31 anni; Saverio Rampulla, 31; Mario Russo, 54; Antonino Savoca, 27; Corrado Spataro, 34 anni; Damiano Salvatore Squillaci, di 24 e Nicola Strano, 53 anni.
Posti ai domiciliari: Diego Aiello, 22 anni; Alfreo Bulla, 33; Alessio La Manna, 29; Antonino Giuffrda,  54 anni; Antonino Cosentino, di 38; Vincenzo Florio, 40; Vincenzo Mirenda, di 44; Alessandro Palermo, 42 anni; Salvatore Caltabiano, 41 anni e Antonino Russo, di 28.
Il provvedimento restrittivo in carcere è stato notificato a: Claudio Pietro Antonio Aiello, di 31 anni; Daniele Buttafuoco, di 29; Claudio Calabretta, 53 anni; Nunzio Caltabiano, 48; Vittorio Benito Fiorenza, 36; Vincenzo Di Mauro, 38; Massimo Vizzini, 44; Mario Guglielmino, 50; Salvatore Gurrieri, 44; Francesco Privitera, 34 e Angelo Varoncelli, di 47 anni.
l’obbligo di dimora e l’affidamento in prova ai servizi sociali e è stato disposto per Andrea Mazzarino, di 30 anni, e Antonio Mangano, 40.
Gli investigatori hanno accertato che uno degli arrestati svolgeva liberamente davanti ai figli la sua attività di spaccio e confezionamento della droga che non hanno nemmeno 10 anni. I bambini venivano utilizzati come schermo per eludere il controllo delle forze dell’ordine. Dalle intercettazioni è emerso che i minorenni erano pienamente coinvolti e consapevoli dell’attività illecita. Inoltre, nel tempo, hanno sviluppato atteggiamenti talmente aggressivi da incutere timore ad altre persone legate allo spaccio molto più anziane.
Nel corso delle indagini sono stati fondamentali i collaboratori di giustizia e le intercettazioni acquisite. Inoltre sono state sequestrate sostanze stupefacenti e accertate le dinamiche del gruppo mafioso anche nella gestione dello spaccio di droga. L’attività è stata quantificata in 50 mila euro al giorno. Gli accertamenti hanno anche provato numerose estorsioni a imprenditori e commercianti.
Il procuratore Carmelo Zuccaro illustrando l’operazione “Docks” ha spiegato che: «L’economia di un intero quartiere è basata sul traffico di droga». Tra gli affilati al clan Santapaola-Ercolano anche tre donne.
Le indagini sono iniziate nel 2013, quando per conflitti interni è stato organizzato un gruppo di fuoco che aveva l’obiettivo di uccidere Vittorio Benito Fiorenza. Non trovandolo, i killer sono andati a casa sua e hanno minacciato i familiari con le pistole. Da questo episodio sono partite le indagini che hanno che hanno permesso di scoprire un grosso giro di spaccio di droga gestito da Alessandro Palermo, con spacciatori attivi in tutta la provincia.
Inoltre, le intercettazioni hanno permesso di appurare il coinvolgimento di personaggi come “Enzo il biondo” Guzzetta, Salvatore Fiore detto “Turi Ciuri”, Salvatore “il puffo” Gurreri ed “Enzo patata” Mirenda.
Gurreri pur essendo agli arresti domiciliari dirigeva le attività illecite grazie ai fratelli Mirenda, Vincenzo, Arturo e Angelo. Al termine delle indagini è emersa l’intera struttura del gruppo, le posizioni di vertice e i ruoli degli affiliati.
Il ministro dell’Interno, Marco Minniti si è congratulato con il comandante Tullio Del Sette per i risultati ottenuti sottolineando che: «L’operazione dimostra ancora una volta lo straordinario impegno che orze dell’ordine e magistratura mettono in campo quotidianamente».
Gli investigatori dal 2014 fino al 2016, si sono avvalsi delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, è in riferimento alle loro dichiarazioni hanno avviato intercettazioni dalle quali sono emerse che per cause legate alla leadership in seno al gruppo mafioso di San Giovanni Galermo, tre degli indagati – i fratelli Vincenzo e Arturo Mirenda e una terza persona – avrebbero voluto attentare alla vita di un altro componente del gruppo, Vittorio Benito Fiorenza.
Le indagini sulla vicenda hanno svelato i loschi affari dell’articolato gruppo di spacciatori, che sarebbero stati capeggiati da Alessandro Palermo. Inoltre è stato appurato che gli indagati acquistavano cospicue quantità di droga da spacciare nei Comuni dell’hinterland nord della provincia etnea. Importante il ruolo delle donne, tre le arrestate.
Secondo quanto accertato il gruppo attualmente sarebbe stato capeggiato da Salvatore Gurrieri che, agli arresti domiciliari, dirigeva le attività illecite grazie ai fratelli Vincenzo, Arturo e Angelo Mirenda. Secondo quanto accertato il gruppo avrebbe avuto un ingente volume di affari illegali nel settore, oltre che dello spaccio di droga, delle estorsioni e delle rapine ai danni di imprenditori e commercianti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook