Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FERMATO A CATANIA PRESUNTO SCAFISTA, FILMATI LO INCHIODANO

FERMATO A CATANIA PRESUNTO SCAFISTA, FILMATI LO INCHIODANO

Gli agenti della Squadra mobile della questura di Catania e dai militari della Guardia di finanza del Gico hanno fermato un nigeriano di 33 anni perché ritenuto uno scafista. Aveva collegamenti con libici e sono stati inseriti agli atti anche dei video.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FERMATO A CATANIA PRESUNTO SCAFISTA, FILMATI LO INCHIODANO –

Un nigeriano di 33 anni, Tomsi Kingsley, è stato fermato dagli agenti della Squadra mobile della questura di Catania e dai militari della Guardia di finanza del Gico perché ritenuto uno scafista. Un ‘selfie’ ha tradito il presunto ‘scafista’ che a causa dello scatto e alla denuncia dei suoi ‘compagni di viaggio’ è stato identificato e arrestato. L’indagato è accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina in relazione allo sbarco di 269 migranti partiti dalle coste libiche e giunti domenica scorsa a Catania a bordo della nave della Guardia Costiera “Fiorillo”.
Il nigeriano, prima della partenza del gommone dalle coste libiche, è stato riconosciuto da migranti come l’uomo che era in contatto con i trafficanti libici che gli hanno fornito le necessarie istruzioni per condurre l’imbarcazione fino al momento del salvataggio. Nell’indagine sono confluite anche riprese video e fotografiche realizzate da nave “Margottini” della marina che ha effettuato le operazioni di soccorso.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook