ELEZIONI REGIONALI SICILIA, GRASSO NON SI CANDIDA

ELEZIONI REGIONALI SICILIA, GRASSO NON SI CANDIDA

Il presidente del Senato non si candiderà per la poltrona di governatore della Sicilia: «Ho parlato con Orlando e dopo una lunga riflessione ho dato la precedenza al mio ruolo attuale». Il presidente Crocetta: «No a pericolose avventure di governo. Ho salvato la Sicilia».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ELEZIONI REGIONALI SICILIA, GRASSO NON SI CANDIDA –

Piero Grasso, presidente del Senato, dopo un lungo colloquio col sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha annunciato di «voler declinare la proposta giunta dagli organismi regionali e nazionali del Pd di candidarsi a Presidente della Regione Siciliana alle prossime elezioni». E ancora Grasso ha precisato: «Il mio impegno e il mio amore per la Sicilia non smetterà di esprimersi in ogni forma e in ogni sede anche nazionale, ma i miei doveri istituzionali attuali mi impongono di svolgere, finché necessario, il mio ruolo di presidente del Senato».
La decisione della seconda carica dello Stato è stata diffusa con una nota dal suo portavoce: «nel corso del colloquio tra Grasso e Orlando sono state affrontate – si legge – tutte le implicazioni politiche e istituzionali di tale scelta, soprattutto in relazione al delicato momento della Legislatura e ai prossimi impegni del Senato della Repubblica su temi importanti per il Paese quali ad esempio la Legge elettorale e la Legge di Bilancio».
In conclusione la nota: «Dopo una lunga riflessione Grasso e Orlando hanno quindi convenuto, stante le condizioni attuali, sulla impossibilità di proseguire sull’ipotesi di candidatura proposta dal Pd».
Quindi nel centrosinistra adesso si riapre la corsa alla ricerca di un candidato che era stata congelata in attesa della risposta di Grasso. Il presidente Rosario Crocetta in merito afferma: «avevo aderito con sincerità e lealtà al progetto Grasso Presidente. E credo che non esistano precedenti di presidenti della Regione uscenti, che abbiano dimostrato tanta lealtà nei confronti del proprio partito e della coalizione con la quale ha governato».
E ancora Crocetta puntualizza: «occorre adesso riprendere il confronto unitario, partendo dalla valutazione del grande lavoro che è stato svolto alla Regione in questi anni e che ha salvato la Sicilia”. E avverte: “la Regione non può essere affidata a pericolose avventure di governo che ripropongono gli schemi di quel passato che l’hanno distrutta. Indietro non si torna e tale consapevolezza mi spinge a lottare e a impegnarmi con maggior vigore, fino in fondo, per fare della Sicilia una delle terre più avanzate e più ricche d’Europa, in un percorso di trasparenza e legalità».
Leoluca Orlando, proprio nei giorni scorsi aveva annunciato l’inizio di un percorso per la creazione di una “Lista dei territori”, ora chiede «l’avvio di un indispensabile ampio processo partecipato che miri ad individuare un quadro programmatico di interventi in discontinuità chiara e concreta con l’attuale assetto regionale».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook