Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CHIEDEVA IL PIZZO COME EMISSARIA DI MESSINA DENARO

CHIEDEVA IL PIZZO COME EMISSARIA DI MESSINA DENARO

Una volta incassato il pizzo al Centro Commerciale di Dittaino, sono scattate le manette della dipendente comunale che si presentava come emissaria di Messina Denaro. Lavorava al comune di Valguarnera ma nel tempo libero avrebbe chiesto una tangente da 200 mila euro come protezione ad un imprenditore locale. E’ stata arrestata subito dopo aver incassato la rata prima rata al centro commerciale Dittaino.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CHIEDEVA IL PIZZO COME EMISSARIA DI MESSINA DENARO –

Nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Dda di Caltanissetta, i poliziotti hanno arrestato una dipendente del Comune di Valguarnera, Maria Gabriella Arena, 51 anni. Si spacciava per emissaria della ‘primula rossa’ di Cosa Nostra, il boss latitante Matteo Messina Denaro. La stessa ha imposto a un imprenditore della provincia di Enna un “pizzo” da 200mila euro. Glia agenti della Dda l’hanno fermata subito dopo avere incassato, nel centro commerciale di Dittaino, 25 mila euro come anticipo della ‘tangente’. Maria Gabriella Arena è stata arrestata ieri mattina, subito dopo che l’imprenditore aveva consegnato in una busta la somma richiesta. La vittima dell’estorsione aveva anche ricevuto una mail con gravi minacce anche per i suoi familiari. La richiesta era stata quantificata in 25 mila euro mensili a titolo di ‘protezione’, una percentuale del fatturato annuo dell’attività sottolineando che la richiesta proveniva dal superlatitante Matteo Messina Denaro.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook