Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SUB PALERMITANO MUORE NEL MARE DI TERMINI IMERESE

SUB PALERMITANO MUORE NEL MARE DI TERMINI IMERESE

Gli uomini della Capitaneria di Porto hanno trovato il corpo di un sub la tragedia si è consumata nel mare di Termini Imerese, di 46 anni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SUB PALERMITANO MUORE NEL MARE DI TERMINI IMERESE –

La tragedia è avvenuta nello specchio di mare che bagna Termini Imerese paese marinaro in provincia di Palermo. Gli uomini della Capitaneria di Porto hanno trovato il corpo di Nicola Ferrante, sub palermitano di 46 anni. Ferrante, residente in via Rina Morelli, commerciante nella zona di via Paruta, è stato recuperato nel tratto di mare Pietra Piatta, in località Ginestra.
Da una prima ispezione del medico legale sul corpo dell’uomo avrebbe stabilito che lo stesso sarebbe morto per arresto cardiocircolatorio. Sul luogo sono intervenuti i sanitari del 118 mentre le indagini sono condotte dai Carabinieri.
Sempre a Termini Imerese questa è la seconda volta in questa stagione che si verifica una morte in mare. I sommozzatori dei vigili del fuoco avevano trovato il corpo di Ivan Bova, 37 anni a una profondità di 20 metri a circa 200 metri dalla sua barchetta a una distanza di due miglia dalla costa di Trabia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook