Archiviato in | Politica, Politica Regionale

CRISI ALLA REGIONE, VERTICE CATANESE DI ‘AP’ CON ALFANO

CRISI ALLA REGIONE, VERTICE CATANESE DI ‘AP’ CON ALFANO

Dopo la decisione dell’assessore Carmencita Mangano di restare in giunta nonostante le indicazioni della sua compagine a dimettersi, mettono in forse la situazione di crisi che si prospettava. Adesso, l’incognita Vermiglio incombe sulla giunta regionale. Intanto il vertice catanese di Ap con Alfano chiarirà le posizioni della compagine politica.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CRISI ALLA REGIONE, VERTICE CATANESE DI ‘AP’ CON ALFANO –

Il destino della giunta regionale si decide ancora una volta a Catania. Due giorni fa i Centristi si sono incontrati nel capoluogo etneo dove hanno sancito l’uscita dalla maggioranza e dalla giunta Crocetta. Oggi gli esponenti di ‘Alternativa Popolare’, la formazione che fa riferimento ad Angelino Alfano si incontreranno a Catania per prendere una decisione politica importante.
Infatti, il leader del movimento, Angelino Alfano si recherà nel pomeriggio, a Catania e guiderà il suo gruppo a prendere una decisione che sotto certi aspetti contribuirà a determinare la situazione della Regione Siciliana. Già ieri, il coordinatore regionale Giuseppe Castiglione aveva sposato l’appello dei Centristi affermando che anche l’assessore Carlo Vermiglio avrebbe lasciato la giunta Crocetta.
Ma alla luce dei fatti avvenuti ieri, la strappo consumato tra i centristi di D’Alia, con l’assessore tecnico alla famiglia Carmencita Mangano che ha ufficializzato la scelta di restare con Crocetta, come faranno anche Mariella Lo Bello alle Attività Produttive e Luisa Lantieri dalle Autonomie Locali e Funzione Pubblica, la vicenda torna in discussione.
Quindi Crocetta incassa il primo successo per lo stop alla crisi formalizzato da Carmencita Mangano che, nonostante essere stata indicata da D’Alia per quel posto, lo molla per continuare ancora nei 5 mesi di governo rimanenti.
Potrebbe seguire la collega anche l’assessore Carlo Vermiglio, tecnico anche lui ed esponente di Ncd prima e di Ap adesso. Come la Mangano non rispondeva al telefono al segretario del suo partito, e lo stesso Vermiglio ieri non rispondeva al suo referente Dore Misuraca.
Intanto una riflessione è d’obbligo, i partiti non controllano più i propri assessori, tecnici e non. Le indicazioni dei partiti non hanno più valore e gli assessori decidono ognuno per se.
Quindi stamane, Alternativa Popolare si riunisce e indicherà la propria scelta. Facendo l’ipotesi che anche Vermiglio scegliesse di restare in giunta per quale ragione, lunedì il pd dovrebbe seguire le dimissioni chieste dai centristi. A questo punto appare Improbabile, che gli assessori, Cracolici e Marziano, Contrafatto e Barbagallo, decidano di rinunciare a 4 o 5 mesi di campagna elettorale da assessori.
Insomma, se ieri mattina la crisi sembrava già iniziata, la decisione della Mangano presa in serata ha reso più difficile le cose. Adesso si aspetta l’esito della riunione di Alleanza Popolare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook