Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA, I CENTRISTI ESCONO DALLA MAGGIORANZA E APRONO LA CRISI

REGIONE SICILIANA, I CENTRISTI ESCONO DALLA MAGGIORANZA E APRONO LA CRISI

Sono in corso consultazioni febbrili col segretario Pd Raciti che adesso decisione da che parte stare nella ricerca del candidato presidente e se restare nella giunta Crocetta.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

REGIONE SICILIANA, I CENTRISTI ESCONO DALLA MAGGIORANZA E APRONO LA CRISI –

Alla luce delle decisioni prese nella riunione catanese di ieri, che sugellano l’uscita ufficiale dei centristi di Giampiero D’Alia dalla maggioranza di Crocetta e ritirare gli assessori dalla giunta si apre formalmente la crisi di governo alla Regione e con essa inizia la campagna elettorale per il rinnovo dell’Ars e del governo. Quindi, la palla passa al Pd, partito di maggioranza relativa che lunedì ha già fissato un tavolo per prendere la decisione importante. Le elezioni si dovrebbero tenere il 5 novembre prossimo anche se la data non è stata ancora non è stata fissata ufficialmente.
Ieri sera a Catania la compagine D’Alia e soci, hanno abbandonato gli indugi manifestando chiaramente con un documento ufficiale che: «Rosario Crocetta non può essere ricandidato alla Presidenza della Regione e, pertanto, appare corretto nei suoi confronti e nei confronti dei siciliani non continuare l’esperienza di un governo presieduto da chi non potrà guidarci nella prossima campagna elettorale. I centristi invitano gli assessori regionali a dimettersi e invitano il segretario regionale Adriano Frinchi e il capogruppo all’Ars Marco Forzese ad avviare, dalla prossima settimana, le consultazioni con il Partito democratico per fissare i punti del programma della prossima legislatura e individuare il prossimo candidato governatore della Regione».
D’Alia ha tenuto a precisare che la decisione presa non ha nulla a che vedere con lo scontro fra Crocetta e l’assessore alle infrastrutture Giovanni Pistorio ricordando che «la valutazione della situazione politica regionale era in programma già da tempo ed era stata rinviata su richiesta degli alleati a dopo l’approvazione della Finanziaria e a dopo le elezioni amministrative dell’undici giugno».
Infatti, i due esponenti dell’esecutivo, Carmencita Mangano e Giovanni Pistorio non hanno partecipato al coordinamento nel quale sono state decise le loro dimissioni. L’atto definitivo che prevede la consegna delle dimissioni spetta a loro. Immediatamente, nello stesso pomeriggio di ieri, sono scattate le consultazioni con Raciti per invitare il Pd a fare altrettanto ritirando i propri assessori dalla giunta regionale per avviare la fase di consultazioni.
Per il Pd una situazione quantomeno imbarazzante visto che da una parte il segretario Raciti aveva lasciato la porta aperta a Crocetta sia pure senza il consenso dei suoi o quantomeno della maggioranza dei suoi. Adesso dovrà scegliere se rompere con il Presidente della Regione uscente o se rischiare di litigare con gli alleati.
Dopo i Centristi per l’Europa, anche Alternativa popolare, uscirà dal governo Crocetta. Lo ha annunciato il coordinatore regionale del partito, il sottosegretario Giuseppe Castiglione, che ufficializzerà domani la decisione, a cui faranno seguito le dimissioni dell’assessore tecnico in giunta, Carlo Vermiglio, con delega ai Beni culturali.
Castiglione precisa: «Il nostro ingresso al governo della Regione Siciliana è avvenuto da poco e puntava a realizzare una stagione di riforme per l’Isola, che non si è mai aperta. Domani ufficializzeremo la nostra posizione. Stima assoluta per Pietro Grasso, ma noi in Sicilia, come diciamo da tempo, avremo un nostro candidato».
Si prospetta un fine settimana di alta tensione denso di incontri, confronti e strategie, fino lunedì, per arrivare ad una soluzione, qualunque essa sia che aprirà una nuova fase finalizzata alla selezione del candidato per le prossime elezioni regionali

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook