Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA, CONFISCA MILIONARIA A IMPRENDITORE LEGATO AI ‘CARATEDDI’

MAFIA, CONFISCA MILIONARIA A IMPRENDITORE LEGATO AI ‘CARATEDDI’

I beni per un valore complessivo di 1,3 milioni di euro sono stati bloccati a Francesco Pasqua, che operava ad Augusta nel settore del movimento terra. L’imprenditore legato alla mafia era stato arrestato nel 2014 con l'accusa di far parte della cosca etnea dei ‘Carateddi’.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA, CONFISCA MILIONARIA A IMPRENDITORE LEGATO AI ‘CARATEDDI’ –

Il Direttore della Dia, Nunzio Antonio Ferla ha dato mandato al personale della Direzione investigativa antimafia di Catania, di eseguire il sequestro dei beni per un valore di 1,3 milioni di euro all’imprenditore Francesco Pasqua, 58 anni di Augusta (Siracusa), che opera nel settore del movimento terra e del trasporto merci conto terzi. Il provvedimento eseguito dalla Dia di Catania, diretto dal capo centro Renato Panvino, è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Siracusa e dispone la confisca dei beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie a vario titolo riconducibili all’indagato per un valore complessivo di oltre 1.300.000 euro.
L’indagato nel 2014 era stato arrestato nell’ambito dell’operazione ‘Prato Verde’ per associazione mafiosa con l’accusa di fare parte del gruppo dei ‘Carateddi’, guidato da Orazio Privitera e Sebastiano Lo Giudice, della cosca Cappello di Catania. E’ stato poi scarcerato, il procedimento penale risulta ancora pendente.
l’imprenditore, secondo l’accusa, tra l’altro, avrebbe favorito la latitanza di Privitera, che si è sottratto, dall’ottobre 2009 al gennaio 2010, all’esecuzione del decreto di fermo emesso a suo carico nell’ambito dell’operazione di polizia denominata “Revenge”.
E’ proprio durante le indagini sulla latitanza di Privitera, gli investigatori hanno individuato la figura di Francesco Pasqua, fino a quel momento estraneo alle cronache giudiziarie, per aver fornito al Privitera il supporto logistico. Inoltre, secondo quanto rilevato dal Tribunale di Siracusa l’appartenenza dell’imprenditore al clan mafioso sarebbe iniziata tra il 2006 e il 2007.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook