CROCETTA TORNA A CHIEDERE LE DIMISSIONI DI PISTORIO

CROCETTA TORNA A CHIEDERE LE DIMISSIONI DI PISTORIO

Caso Pistorio, spuntano nuove intercettazioni, omofobia e pettegolezzi e il presidente Crocetta gli manda a dire: «Ti do il mio perdono cristiano, ma vai liberamente a parlare male di me altrove». L'assessore alle Infrastrutture e Trasporti non intende ottemperare alla richiesta pubblica di dimissioni avanzata con una lettera aperta dal Presidente della Regione e ribadisce: «Non mi dimetto, sarebbe come ammettere colpe che non ho. Se vuole mi revochi lui dalla carica di assessore»

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CROCETTA TORNA A CHIEDERE LE DIMISSIONI DI PISTORIO –

Il Presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, invita l’assessore alle Infrastrutture Giovanni Pistorio del movimento Centristi per l’Europa a dimettersi, dopo nuove intercettazioni, nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Palermo ‘Mare nostrum’, pubblicate da ‘Lasicilia.it’, da cui emergono colloqui con l’armatore della Liberty lines Ettore Morace, arrestato per corruzione.
I rapporti tra Crocetta e il suo assessore Giovanni Pistorio che non risulta indagato, si sono incrinati dopo la pubblicazione di una intercettazione durante la quale Pistorio parlava di interessi privati di Crocetta nel potenziamento dei collegamenti marittimi da Palermo all’isola di Filicudi nelle Eolie, legati a una presunta relazione sentimentale del presidente.
L’assessore in un colloquio con Crocetta si era scusato definendo ‘conversazioni da bar’ le sue frasi, ma aveva escluso le sue dimissioni nonostante il governatore lo avesse definito omofobo. Il Presidente gli aveva scritto: “Spero che Lei vorrà prendere atto che i fatti di oggi, che la descrivono come un attivo corteggiatore – naturalmente politico, per carità! – vadano ben oltre le ‘conversazioni da caserma’, da lei classificate, per minimizzare pettegolezzi su miei comportamenti completamente inesistenti, che però hanno determinato mesi di intercettazioni nei miei confronti, colpevole di nulla, neppure di nutrire sentimenti nei confronti di un segreto innamorato, che in un paese civile rientrerebbe fra i diritti inviolabili di qualsiasi cittadino”.
Crocetta continua: “Vede, assessore, nel rassicurarla rispetto al mio perdono cristiano – io non riesco ad odiare nessuno, neppure quelli che mi vogliono uccidere – io ritengo che sia necessario chiarire la natura di quelli che lei definisce ‘pettegolezzi da caserma’. Quei pettegolezzi fanno rivoltare le caserme, ho fatto il servizio e non mi è mai capitato di sentire militari di qualsiasi grado esprimersi in quel modo nei confronti di rappresentanti delle istituzioni – sono, piuttosto, espressioni beone da osteria -. Per carità libertà di pettegolezzo! Solo che le frasi da osteria, lei on. assessore, non le manifestava al bar, ma
nella sede istituzionale di quel l’assessorato alle Infrastrutture, che le ho dato la possibilità di presiedere nonostante che in molti le rimproverassero un passato dai facili cambi di casacca politica”.
E ancora Crocetta: “I suoi pettegolezzi hanno contagiato talmente i suoi collaboratori, che a un certo punto, convinti dall’idea di me che lei ha trasmesso, non solo mi hanno attribuito una serie infinita, quanto inesistente, di amanti – purtroppo tutti brutti, ovviamente non tutti sanno quanto io sia cultore della bellezza – ma, hanno finito per pensare seriamente che quando volevo spostare il collegamento da Lamezia Terme a Palermo, non lo facevo per valorizzare i porti e gli aeroporti siciliani, ma per follia amorosa nei confronti di un 60enne sposato e padre di figli, che fra l’altro non vive abitualmente a Filicudi, colpevole di avermi rappresentato le problematiche dell’isola. I suoi stornelli da osteria assessoriale hanno prodotto un grave danno all’immagine delle istituzioni e, pertanto, rappresentano fatti pubblici e non privati, con un’aggravante di intenzione omofobica decisamente insopportabile. Se, insieme a tutto ciò aggiungiamo comportamenti che prefigurano un suo tradimento politico, attraverso un dialogo che lei ha aperto con tanti e fra questi Cuffaro, ritengo che lei ne debba trarre le dovute conseguenze rassegnando le sue dimissioni, così potrà reincontrarsi con i suoi ex amici e parlare male di me liberamente, da caserma, da osteria, senza limiti. Buon divertimento!“.
E’ determinato l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Giovanni Pistorio, oggi ha ribadito: «Non mi dimetto, sarebbe come ammettere colpe che non ho. Se vuole mi revochi lui dalla carica di assessore».
«Non ho fatto nulla non sono indagato, tutti gli atti amministrativi sono corretti e non ci sono profili di censura al mio operato. Quelle tre battute infelici sono non semplicemente private ma privatissime e non sarebbero dovute diventare pubbliche come ho detto più di una volta. Mi sento un po’ come il protagonista del vecchio film ‘La vita degli altri’ sulle attività della Stasi a Berlino est negli anni della cortina di ferro. Ci sono tifosi di questo clima che non possono trovare il mio consenso. Se tutti dovessi rispondere delle battute fatte in privato lontano da occhi e orecchie indiscrete non si salverebbe nessuno. Le intercettazioni servono a fornire elementi di inchiesta alla magistratura. Non ne sono stati trovati a mio carico quindi non c’è nulla da aggiungere».
Poi sulla vicenda Cuffaro, Pistorio precisa: «L’ho visto solo una volta in carcere quando ero ancora senatore. Poi non l’ho più visto. neanche doppo che è uscito dal carcere. Solo una volta me lo passarono al telefono per salutarlo. Quini anche per quel che riguarda Cuffaro c’è davvero poco da dire»
Quindi come si è ampiamente compreso l’assessore non intende eseguire l’invito pubblico alle dimissioni che gli è stato rivolto ieri dal Presidente della Regione con una lettera aperta. Attraverso la quale prendeva le mosse dalla pubblicazione di nuove intercettazioni nell’ambito dell’inchiesta Mare Monstrum che ha portato in carcere l’armatore Ettore Morace, e che ha stravolto la campagna elettorale di Trapani fino alla decisione del candidato sindaco al ballottaggio Mimmo Fazio di lasciare. Inoltre ha registrato gli arresti domiciliari per un periodo anche il segretario particolare di Pistorio, Giuseppe Montalto.
Alla luce degli avvenimenti il fatto che Crocetta attenda le sperate dimissioni di Pistorio, ormasi è chiaro. Ma di contro tra le righe potrebbe esserci, forse, anche una motivazione politica. In questo momento, far dimettere Pistorio potrebbe far delineare il confronto con i centristi che potrebbero dimettersi in massa e stringere all’angolo il Pd in vista delle candidature. Una strategia poco raffinata e sembra anche poco efficace considerando la reazione di Pistorio.
Ora il problema ritorna al Presidente della Regione che nella sua decisione di revocare il mandato all’assessore Pistorio dovrà pensare anche delle conseguenze politiche che potrebbero prevalere al suo personale risentimento.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook