Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA, SEQUESTRO BENI AL REGGENTE DI CESARÒ

MAFIA, SEQUESTRO BENI AL REGGENTE DI CESARÒ

Colpo al "capo area" di Bronte sequestrato il patrimonio del reggente di Cesarò, referente nei Nebrodi del clan catanese dei Santapaola-Ercolano.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA, SEQUESTRO AL REGGENTE DI CESARÒ –

Il Tribunale di Catania ha disposto il sequestro dell’ingente patrimonio consistente in imprese operanti prettamente nel settore agricolo (allevamento e coltivazione di fondi), numerosi terreni agricoli, un fabbricato a Cesarò, diversi veicoli, titoli ordinari Agea e rapporti finanziari in corso di quantificazione. La mafia dei pascoli era pronta a sparare per conquistare nuovi appezzamenti di terra attraverso i quali ricevere contributi dell’Unione Europea.
Il provvedimento è stato eseguito dal personale della Direzione investigativa antimafia di Catania diretta da Renato Panvino, insieme alla sezione operativa di Messina, sta eseguendo un sequestro di beni nei confronti di Giovanni Pruiti, ritenuto secondo la Dia: «reggente del clan mafioso operante a Cesarò e referente territoriale, per la zona di Bronte e nel territorio dei Nebrodi, del clan catanese ‘Santapaola-Ercolano’».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook