Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

INCANTA LA MUSICA SPAGNOLA AL BELLINI

INCANTA LA MUSICA SPAGNOLA AL BELLINI

Print Friendly, PDF & Email

 

 

INCANTA LA MUSICA SPAGNOLA AL BELLINI – INTERVISTE

Il pubblico ha approvato con entusiasmo il programma di musica spagnola proposto dal Teatro Massimo Bellini, nell’ambito della stagione concertistica. Sedici brani, tratti da note zarzuelas (composte tra seconda metà dell’Ottocento e prima metà del secolo successivo) hanno fatto meglio conoscere questo genere musicale che è simile all’operetta ma con musiche, danze, ambientazioni che sono tipiche della Spagna.
Il successo del concerto catanese, intitolato “Zarzuela”, va innanzi tutto ascritto ai principali interpreti, tutti, ovviamente, di nazionalità spagnola. Ecco i loro nomi: il direttore d’orchestra Miquel Ortega, il tenore Vicenç Esteve, la suonatrice di nacchere e danzatrice  Bélen Cabanes (ma la definizione più corretta è “castanuelas e bailaora”).
A questo nucleo forte, bisogna aggiungere altre due voci (Salvatore Todaro e Marinella Arena) e il Coro del teatro, che, diretto dal maestro Ross Craigmile, è riuscito ad entrare pienamente nello spirito musicale della zarzuela: un piccolo miracolo, merito forse della lunga permanenza in Spagna di Craigmile. In ogni caso, anche per evocare visivamente quella nazione, le coriste hanno appuntato un fiore rosso ai capelli. Gli orchestrali, da parte loro, sembravano soddisfatti nell’interpretare un repertorio con sonorità generose.


Il tenore Vicenç Esteve nell’intervista ha rivelato i suoi progetti (sarà protagonista di “La fille du régiment” di Donizetti) e scherzando sulla partita Juve-Real Madrid (che si disputava nelle stesse ore del concerto) ha rivelato che la sua fede calcistica batte per il Barcellona: “Questa sera mi sento italiano”, ha detto.
La “castanuelas e bailaora” ha incantato. In mano a Bélen Cabanes le nacchere  non sono dei semplici strumenti a percussione, ma strumenti musicali di raffinato uso, capaci di andare oltre il ritmo, con coloriture di tono e con fraseggi. Facendone un prolungamento del suo corpo, con le nacchere evoca atmosfere spagnole. Ma non solo: entra in scena con un abito che imita nella fantasia le squame del serpente, ed agita il sonaglio come un crotalo. L’effetto è sorprendente, nonostante lo spazio esiguo a sua disposizione per muoversi sul palco. Dopo l’esibizione, in camerino mostra le sue castanuelas. Alcune sono di legno, altre in resina e fibra di vetro, di un bel colore rosso. Spiega: “I diversi materiali servono a dare le tonalità più o meno cupe allo strumento”.
Mentre il direttore artistico del Teatro Massimo, Francesco Nicolosi, va a complimentarsi con il cast, viene da pensare che nessuno quest’anno potrà biasimare il Bellini per la ripetitività del repertorio: lo spettacolo “Zarzuela”è stata una novità bene accolta. Rinnovare comporta dei rischi ma spesso ripaga.

Le foto sono state realizzate da Claudio Bonaccorsi

2 Risposte a “INCANTA LA MUSICA SPAGNOLA AL BELLINI”

  1. Nunzio.G ha detto:

    Complimenti per l’iniziativa…la cultura spagnola ci è sempre molto vicina

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] INFORMASICILIA.IT: La música española encanta en el Bellini […]


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook