Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OPERAZIONE “BIG BOSS“: SFRUTTAVANO GIOVANI ROMENE, ARRESTATI

OPERAZIONE “BIG BOSS“: SFRUTTAVANO GIOVANI ROMENE, ARRESTATI

Cinque arresti Catania, sfruttavano giovani romene che venivano fatte prostituire. Una delle vittime aiutata da un cliente è riuscita a fuggire denunciando tutti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

OPERAZIONE “BIG BOSS”: SFRUTTAVANO GIOVANI ROMENE, ARRESTATI –

La Polizia di Stato di Catania ha arrestato cinque persone, tra cui tre romeni, accusati di sfruttare giovani romene che venivano avviate alla prostituzione. I componenti della banda costringevano le ragazze a ‘lavorare’ usando loro violenza. Una sesta persona è riuscita a sfuggire all’arresto ed è ricercata.
L’operazione denominata ‘Big Boss’ è il risultato finale di indagini che si sono concretizzate dalle dichiarazioni di una giovane vittima avviata alla prostituzione con la minaccia che le avrebbero sottratto il figlio minorenne rimasto in Romania. La ragazza è fuggita e ha contattato un cliente, che l’ha aiutata a scappare e a rivolgersi agli agenti. Successivamente la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip. Sono subito scattate le manette per i tre romeni: Gheorghe Eduard Ciobanu, di 23 anni – considerato il capo dell’organizzazione, chiamato dai componenti ‘Big Boss’, da cui il nome dell’operazione; Marius Negoita, di 34 anni, e Marcel Dumitru, di 23, il provvedimento restrittivo è stato notificato in carcere, dove si trovano detenuti. Agli arresti domiciliari sono stati posti due italiani, Salvatore D’Anna, di 45, e Angelo La Spina, di 55.
Le accuse sono di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione in pregiudizio di giovani donne, compresa una minorenne, e di favoreggiamento personale. Nel corso delle indagini, la Polizia di Stato ha arrestato anche un altro romeno, Gabriel Condras, che era ricercato nel suo Paese perché doveva espiare una pena di tre anni e due mesi di reclusione per il reato di partecipazione a un’organizzazione criminale dedita al traffico illecito di tabacchi e nei confronti del quale l’autorità giudiziaria di Caras Severin (Romania) aveva emesso un mandato d’arresto europeo.
La giovane donna ha raccontato agli inquirenti di aver lasciato il suo Paese d’origine insieme a un connazionale che una volta giunti in Italia, le aveva sottratto la carta di identità e l’aveva costretta a prostituirsi con la minaccia di sottrarle il figlio. Lei era stata avviata alla prostituzione sotto il costante controllo dello sfruttatore, ma dopo qualche settimana era riuscita a scappare dai suoi aguzzini.
Le indagini si sono avvalse anche di una fitta rete di intercettazioni. Ciobanu secondo quanto accertato, oltre a sfruttare le prostituite nella sua disponibilità, avrebbe preteso dai due connazionali sfruttatori il versamento di somme di denaro per il ‘posto di strada’ di ogni rumena che veniva fatta prostituire. I due italiani, pur estranei all’associazione criminale, avrebbero favorito sia la prostituzione delle giovani donne, sia i loro sfruttatori. I tre erano stati fermati il 29 maggio scorso in base a un provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica per il fondato pericolo che fuggissero e successivamente ha emesso una ordinanza di custodia cautelare, eseguita il giorno successivo dalla squadra mobile.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook