ALLARME MORBILLO IN SICILIA

ALLARME MORBILLO IN SICILIA

Da Nord a Sud segnalati da gennaio 2719 casi di morbillo in sette regioni d’Italia. In un solo mese quasi sono stati registrati 800 casi in più. La Sicilia è una delle regioni interessata all’epidemia che riguarda anche le regioni: Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo e Veneto.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ALLARME MORBILLO IN SICILIA –

Dall’inizio dell’anno i casi segnalati di morbillo in Italia sono arrivati a 2719. Dal primo gennaio 2017 al 28 maggio 2017 quasi tutte le regioni (18 su 21) hanno segnalato casi, ma il 91% proviene da sette: Piemonte, Lazio, Lombardia, Toscana, Abruzzo, Veneto e Sicilia.
Il 30 aprile, si contavano 1929. Cira l’ottantanove per cento dei casi non era vaccinato mentre il 6% ha ricevuto solo una dose di vaccino. Il 35% ha avuto almeno una complicanza e il 40% è stato ricoverato. La maggior parte dei casi (73%) è stata segnalata in persone dai 15 anni in su; 163 casi avevano meno di un anno di età mentre sono 220 i casi segnalati tra operatori sanitari.
I dati sono contenuti nel bollettino settimanale pubblicato sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità che descrivere l’epidemia di morbillo in corso nel nostro Paese da gennaio 2017.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook