Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO CIMITERO CATANIA: LA VELARDI FU UCCISA DAL FIGLIO

OMICIDIO CIMITERO CATANIA: LA VELARDI FU UCCISA DAL FIGLIO

Rilevante è stato il contributo fornito alle indagini dalla Polizia Scientifica, attraverso l’analisi del Dna su qualsiasi tipo di traccia biologica rilevata sul luogo teatro del fatto di sangue.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OMICIDIO CIMITERO CATANIA: LA VELARDI FU UCCISA DAL FIGLIO –

Svolta nelle indagini, dopo tre anni e sei mesi dall’omicidio per la morte di Maria Concetta Velardi. La donna era stata uccisa a colpi di pietra nel pomeriggio del 7 gennaio 2014, lungo uno dei viali del Cimitero di Catania. Le indagini coordinate dalla Squadra Mobile di Catania hanno portato all’arresto del figlio della vittima, Angelo Fabio Matà ritenuto responsabile del reato di omicidio aggravato. Rilevante è stato il contributo fornito alle indagini dalla Polizia Scientifica, attraverso l’analisi del Dna su qualsiasi tipo di traccia biologica rilevata sul luogo teatro del fatto di sangue.
Gli accertamenti degli investigatori hanno consentito di acquisire univoci e concordanti indizi di colpevolezza nei confronti del figlio della vittima e svelare il movente dell’omicidio. In particolare, Angelo Fabio Matà avrebbe ucciso la madre al culmine di una lite. L’uomo avrebbe a lungo covato rancore nei suoi confronti perché la riteneva di ostacolo alla realizzazione di progetti di vita personale. L’avrebbe dapprima colpita più volte con un grosso mattone alla nuca. Per non essere visto ne avrebbe poi trascinato il corpo in un corridoio tra le cappelle e le avrebbe ripetutamente scagliato contro un grosso masso di pietra lavica. La donna sarebbe morta dopo 40-45 minuti di agonia. Fra le ipotesi dei primi giorni di indagini si era pensato anche all’esistenza di un maniaco.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook