Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BUFERA ALL’ISTITUTO BELLINI, 23 ARRESTI PER PECULATO E RICICLAGGIO

BUFERA ALL’ISTITUTO BELLINI, 23 ARRESTI PER PECULATO E RICICLAGGIO

Coinvolti funzionari e dipendenti dell’Istituto. ‘buco’ da 14 mln di euro, 23 arresti (6 in carcere e 17 domiciliari) tra cui funzionari e dipendenti. L’operazione è stata condotta dai militari del Comando della Guardia di Finanaza di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BUFERA ALL’ISTITUTO BELLINI, 23 ARRESTI PER PECULATO E RICICLAGGIO –

Bufera all’Istituto musicale di alta specializzazione ‘Vincenzo Bellini’ di Catania fino ad ora ente pubblico partecipato dal Comune.  l’Istituto Bellini è uno dei cinque poli di “altissimo perfezionamento” musicale a livello europeo e si avvia ad essere trasformato in Conservatorio passando alla gestione dello Stato. In Italia è quello che ha il maggior numero di studenti: 800.
All’alba su disposizione del Gip e su richiesta della Procura di Catania gli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza hanno eseguito 23 arresti, 6 in carcere e 17 ai domiciliari nei confronti di funzionari e dipendenti dell’Istituto nonché di altri soggetti coinvolti (persone fisiche e giuridiche) esterni all’ente pubblico. Ai destinatari delle misure personali e reali sono contestati, a vario titolo, reati di Peculato continuato, ricettazione, riciclaggio e di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio connessi alla illecita distrazione e depauperamento di risorse finanziarie dell’Istituto pubblico catanese. Il Gip ha anche disposto il sequestro preventivo di beni fino alla concorrenza di 14 milioni di euro. Parer che l’Istituto Bellini sarebbe stato utilizzato come un bancomat da dipendenti e funzionari, che hanno usufruito di premi di produzione per diverse centinaia di migliaia di euro. I militari della guardia di Finanza hanno condotto un’indagine complessa che procede da più di un anno ed è coordinata dal procuratore Capo Carmelo Zuccaro.
Tra i coinvolti sono presenti noti colletti bianchi catanesi.
Le porte del carcere si sono aperte per Giuseppa Agata Carrubba, 60 anni, responsabile dell’ufficio ragioneria dell’Istituto fino a maggio 2016, il marito Fabio Antonio Marco, 61 anni, Vita Marina Motta 57, quest’ultima responsabile della segreteria didattica fino al maggio dello scorso anno, Lea Marino di 65 anni, responsabile dell’ufficio personale fino al maggio 2016, il consulente del lavoro Sergio Strano, 47 anni, e Giancarlo Maria B. Berretta, 68 anni, legale rappresentante di una società.
Agli arresti domiciliari: Paolo Di Costa, 44 anni, Roberto Vito Claudio Russo, 63 anni, entrambi dipendenti dell’Istituto musicale; gli imprenditori Vito Enrico Barbuto di 55 anni, Roberta Marco, 27 anni, Valentina Piera Mazzarino di 30, Davide Palmisciano di 25 e Francesca Sanfilippo di 35 anni; Massimo Vecchio di 37 anni, Francesco Antonio Nicoloso, 27 anni, Salvatore Rizzo, 27 anni e Marco Garufi di 22, che risulterebbero intestatari di carte pre pagate; e ancora gli imprenditori Francesco Marco, 57 anni, Alfio Platania, 38 anni, Luigi Platania di 41, Antonino Munagò di 41 anni, Massimo Lo Rosso di 46 anni e Raffaele Carucci di 48 anni.Complessivamente gli indagati sono 38.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook