Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SEQUESTRO RECORD DI 28MLN AI CLAN DI BARCELLONA E SANTAPAOLA

SEQUESTRO RECORD DI 28MLN AI CLAN DI BARCELLONA E SANTAPAOLA

Il mega sequestro della Dia comprende aziende, terreni, fabbricati, veicoli e rapporti finanziari di un imprenditore del settore del movimento terra, della produzione del calcestruzzo e del comparto agricolo. L’uomo è ritenuto legato alle consorterie criminali mafiose operanti nelle provincie di Messina e Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SEQUESTRO RECORD DI 28MLN AI CLAN DI BARCELLONA E SANTAPAOLA –

La Dia di Messina, in collaborazione con il centro operativo di Catania, è al lavoro per eseguire un provvedimento di confisca di beni per un valore di 28 milioni di euro, emesso dal Tribunale di Messina a conclusione del procedimento avviato con la proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale a firma del direttore della Dia Nunzio Antonio Ferla.
Sigilli ad aziende, terreni, fabbricati, veicoli e rapporti finanziari di Salvatore Santalucia, imprenditore del settore del movimento terra, della produzione del calcestruzzo e del comparto agricolo. L’uomo è ritenuto legato alle consorterie criminali mafiose operanti nelle provincie di Messina e Catania, in particolare al clan di Barcellona Pozzo di Gotto e al clan “Santapaola” di Catania.
Santalucia, originario di Roccella Valdemone (ME), in base a diverse inchieste giudiziarie è considerato trait d’union tra le organizzazioni criminali mafiose operanti nel territorio a cavallo tra le province di Messina e Catania, per il controllo delle attività imprenditoriali di movimento terra, produzione di conglomerato cementizio e produzione di energia da fonti rinnovabili.
Precisamente sono state sequestrate a Santalucia 4 aziende del settore dell’agricoltura, dell’allevamento, del movimento terra, della produzione di calcestruzzo e delle costruzioni edili; 326 terreni, ubicati nei comuni di Roccella Valdemone (ME), Gaggi (ME) e Castiglione di Sicilia (CT), per l’estensione complessiva di circa 220 ettari; 23 fabbricati; 26 veicoli e vari rapporti finanziari, del valore complessivo pari a 28,5 milioni di euro.
L’indagato era noto negli ambienti criminali con l’alias “Turi Piu”, è implicato in varie operazioni di polizia e risulta strettamente legato ai Santapaola attraverso esponenti di vertice del clan Brunetto attivo nel versante jonico della provincia etnea e a quella barcellonese, come confermato dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Carmelo Bisognano, che lo ha indicato quale “referente” per la zona di Roccella Valdemone.
L’attività imprenditoriale di Santalucia ha registrato nel tempo un’anomala crescita esponenziale, tanto da guadagnarsi nel periodo 2003/2010 la partnership con la società Eolo Costruzioni S.r.l., impresa del Gruppo Nicastri (riconducibile a Vito Nicastri di Alcamo), leader in Sicilia nella realizzazione delle opere civili dei parchi eolici. A quest’ultimo, oggetto di investigazioni da parte della Dia di Messina e Palermo perché considerato in strettissimi rapporti con il latitante Matteo Messina Denaro, è stato confiscato un patrimonio economico per oltre 1,5 miliardi di euro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook