Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MEDICO RECIDE AORTA, PAZIENTE MUORE

MEDICO RECIDE AORTA, PAZIENTE MUORE

Medico dell'ospedale Villa Sofia perfora l'intestino di un 38enne e ammette: «Ho sbagliato l'intervento, è colpa mia». I familiari: «Ce lo hanno ammazzato e adesso vogliamo giustizia».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MEDICO RECIDE AORTA, PAZIENTE MUORE –

Un medico dell’ospedale Villa Sofia di Palermo durante un intervento in laparoscopia (senza taglio chirurgico), ha reciso l’aorta addominale e perforato l’intestino di un paziente di 38 anni.
Aveva solo due calcoli alla colecisti il paziente di 38 anni, Filippo Chiarello. Dopo l’intervento il chirurgo ha spalancato le porte della sala operatoria e, rivolgendosi ai parenti in attesa dietro la porta del reparto Chirurgia d’urgenza, ha allargato le braccia affermando: «È tutta colpa mia. Siamo in una situazione gravissima», ammettendo di aver reciso l’aorta addominale e di avere perforato l’intestino.
Il paziente è deceduto ieri dopo un giorno di agonia già gli era stata diagnosticata la morte cerebrale decretata dall’elettroencefalogramma piatto. Il medico ha lasciato l’ospedale e si è chiuso in casa. Chi lo conosce ha raccontato che è sotto shock e non riesce a parlare. La famiglia ha chiesto un aiuto psicologico. L’operazione, che di routine dura in media una quarantina di minuti, invece si è prolungata per oltre sei ore.
Chiarello, padre di due bambini di 8 e 3 anni, era titolare di un negozio di vernici per auto nel quartiere Zisa di Palermo. Nella sua vita non era mai entrato in un ospedale. Era arrivato in ospedale sabato scorso con un forte dolore allo stomaco. Dopo tre giorni di accertamenti il responso: calcoli alla colecisti. I medici avevano prospettato al paziente quell’intervento e le dimissioni dopo tre giorni. Ma purtroppo non è andata così. L’azienda Villa Sofia – Cervello ha già aperto un’inchiesta interna e ha diffuso una nota per dire: “Siamo vicini alla famiglia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook