Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

G7 TAORMINA: FOCUS SU AFRICA E LOTTA AI FONDAMENTALISMI

G7 TAORMINA: FOCUS SU AFRICA E LOTTA AI FONDAMENTALISMI

I risultati più importanti del vertice internazionale, a detta del Presidente del Consiglio, sono stati l’impegno contro il terrorismo e il focus sull’Africa.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

G7 TAORMINA: FOCUS SU AFRICA E LOTTA AI FONDAMENTALISMI –

“Sono molto soddisfatto del modo in cui l’Italia e la Sicilia si sono presentati a questo appuntamento. Ringrazio Renzi che ha avuto l’l’dea di fare qui questo vertice, che  è riuscito alla grande”. Con queste parole, nei giardini dell’Hotel San Domenico, il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha cominciato la sua conferenza stampa,. L’incontro con i giornalisti è stato una sorta di bilancio conclusivo. Effettivamente la macchina organizzativa del G7 di Taormina ha funzionato.  Anche il più prevenuto ha dovuto riconoscere che l’accoglienza è stata ai massimi gradi. L’ingranaggio del servizio d’ordine ha funzionato, con un enorme spiegamento di forze e di intelligenze.
“In questi giorni abbiamo fatto una discussione autentica – ha proseguito Gentiloni –. Ci siamo confrontati per mettere a fuoco le diverse posizioni, individuando le differenze e, quando possibile, le convergenze tra i leader delle principali economie del mondo libero ”.
I risultati più importanti del vertice internazionale, a detta del Presidente del Consiglio, sono stati l’impegno contro il terrorismo  e il focus sull’Africa.
Riguardo il primo punto – acclarato il nesso tra radicalizzazione del fondamentalismo islamico e lo scambio di informazioni via web –, è stato firmato un documento condiviso che impone ai grandi provider la rimozione di contenuti pericolosi per la sicurezza. Riguardo il continente africano, con l’attenzione del G 7 sono stati individuate azioni sul medio e lungo termine per arginare le ragioni che provocano le migrazioni di massa: i cambiamenti climatici e le conseguenti carestie, la marginalità sociale delle donne, la mancanza di investimenti e di innovazioni. In queste politiche di sviluppo, indirizzate all’Africa, l’Italia, per ovvie ragioni di contiguità geografica, avrà nei prossimi anni un ruolo di primo piano.
Gentiloni ha anche toccato un tema controverso: il commercio internazionale e le politiche protezionistiche. Riguardo a questi aspetti, che toccano nelle tasche le condizioni dei ceti più deboli,  non vi è ancora una piena intesa tra i leader. Una visione non condivisa, come è noto, riguarda anche il controllo delle emissioni nell’atmosfera: in merito, gli USA non si sono ancora espressi. Difficile – riguardo l’immigrazione – è anche la combinazione tra politiche di sicurezza e di politiche di accoglienza umanitaria. I diversi Paesi del G7 in questo campo applicano diverse misure, con il Canada che accoglie migliaia di siriani e, al contrario, gli USA che, dopo l’elezione di Trump, vanno in direzione opposta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook