Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STRAGE CAPACI: IL MOMENTO DEL RICORDO, CORTEI E LENZUOLI BIANCHI

STRAGE CAPACI: IL MOMENTO DEL RICORDO, CORTEI E LENZUOLI BIANCHI

E’ il momento del ricordo per i 25 anni dopo la strage di Capaci. Stamane l'approdo della nave della legalità ha dato inizio ai vari periodi delle celebrazioni in programma. Dalla cerimonia nell'aula bunker e il corteo accompagnato da lenzuoli bianchi. Mattarella: «Il ricordo di Falcone continua ad accompagnarci». la canzone del leader dei Negramaro accanto all'albero della memoria.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

STRAGE CAPACI: IL MOMENTO DEL RICORDO, CORTEI E LENZUOLI BIANCHI –

Alle 17,58 in via Notarbartolo a Palermo è stato eseguito il silenzio accanto all’albero simbolo della memoria del magistrato Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli agenti della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, uccisi dalla mafia a Capaci 25 anni fa. Un lungo applauso è seguito in memoria delle vittime della strage di Capaci dopo la lettura da parte del presidente del Senato, Pietro Grasso, dei nomi delle vittime di Capaci e via D’Amelio. Migliaia i cittadini davanti all’albero Falcone, il ficus magnolia ‘adottato’ dalla coscienza collettiva, che si trova davanti al palazzo dove il giudice abitava insieme con la moglie.
In via Notarbartolo migliaia di studenti arrivati in città con la nave della legalità. Sul palco la sorella del magistrato ucciso, Maria Falcone, il magistrato Leonardo Guarnotta, il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, il procuratore generale Roberto Scarpinato, il direttore generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto.
Stretti accanto alle famiglie degli uccisi, le istituzioni, i ragazzi e i cittadini hanno gremito la strada, molti di loro giovanissimi poi hanno inondato la via del centro di Palermo per partecipare alla commemorazione e al corteo.
Accanto all’albero ormai simbolo della lotta antimafia, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro che ha voluto ricordare le vittime della strage con la canzone “Lo sai da qui”. Il commento di Sangiorgi: «E’ una grande emozione essere qui oggi. Voglio onorare la memoria di Falcone e delle vittime di Capaci e via D’Amelio con questa canzone dedicata a mio padre».
I cittadini palermitani hanno voluto testimoniare ancora una volta il ‘no’ alla mafia al passaggio dei cortei esponendo lenzuoli bianchi ai balconi e alle finestre. Così come ogni anno hanno percorso, il primo dall’Ucciardone ed il secondo da Via D’Amelio per raggiungere ‘l’albero Falcone’ in via Notarbartolo.  Non solo Studenti hanno ‘sfilato’ per ritrovarsi alle 17.58, orario dell’esplosione dell’autostrada, davanti l’abitazione del magistrato che insieme alla moglie Francesca Morvillo e ai tre agenti di scorta perse la vita in quel tragico attentato.
Gli slogan echeggiavano nelle strade: «Scendi giù, scendi giù, manifesta pure tu» – un momento di grande partecipazione che i ragazzi hanno fatto loro e ancora: «Palermo è nostra e non di cosa nostra»; altro messaggio scandito a chiare lettere: «lezione di vita lezione di coraggio, questo per noi il 23 maggio». I giovani hanno ricordato in coro i nomi: «Giovanni e Paolo» ballando sulle note dei “100 passi” dei Modena city Ramblers.
In testa al corteo partito da via D’Amelio c’era la “Bibliolapa”, cioè la biblioteca di strada realizzata su una su moto Ape del centro studi Paolo Borsellino, seguita da centinaia di studenti, scout e attivisti con striscioni colorati che urlavano slogan.
Ad accompagnare i due cortei c’erano tra gli altri Maria Falcone e Rita Borsellino. E’ proprio quest’ultima che a margine ha parlato dell’omicidio mafioso avvenuto proprio ieri in via D’Ossuna. Una coincidenza da molti vista come inquietante ha evidenziato la Borsellino: «Preoccupante quello che è successo a Palermo con l’agguato di ieri, è un brutto segnale, del resto non si può continuare, come è stato fatto finora, a porre tanta enfasi sul fatto che siano trascorsi 25 anni dalle stragi come se episodi del genere non potessero più ripetersi». Le manifestazioni ufficiali si sono concluse con una celebrazione eucaristica a San Domenico dove è sepolto Giovanni Falcone.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook