Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DETURPATO BUSTO DELLA FONTANA DI SANT’AGATA

DETURPATO BUSTO DELLA FONTANA DI SANT’AGATA

Sfregiato ancora una volta il monumento di via Dusmet dedicato alla patrona catanese. Pare siano scomparsi anche oggetti decorativi della statua. Il sindaco Bianco conferma che iI restauro inizierà subito e conferma l’installazione di un sistema di videosorveglianza.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

DETURPATO BUSTO DELLA FONTANA DI SANT’AGATA –

Busto Sant’Agata restaurato dopo il primo atto vandalico.

Nuovo atto vandalico alla fontana di Sant’Agata di Catania dove è raffigurato un busto in bassorilievo della Santa Patrona della città. Dopo un grave episodio vandalico, lo scorso febbraio, in cui l’altarino è stato ricoperto di feci, la notte scorsa è stata danneggiata a colpi di mazza o con un piccone. I lavori di realizzazione della struttura sono stati già avviati dal Comune.
Il sindaco Enzo Bianco fortemente rammaricato ha commentato: «I catanesi devono essere uniti nel condannare quest’ennesimo, spregevole atto contro la fontana con il bassorilievo di Sant’Agata: il restauro partirà immediatamente e sarà portato a termine in tempi brevi». E ancora il primo cittadino ha aggiunto: «Mi domando  a chi possa venire in mente di perpetrare questi oltraggi. Chiedo alla Catania che non sta a guardare, cioè alla stragrande maggioranza della città, di riferire alle forze dell’Ordine quanto hanno visto in modo da aiutare nelle indagini. Ringraziamo intanto sia la Soprintendenza sia l’Accademia per l’immediato intervento».
La fontana con il bassorilievo della patrona era stata fatta realizzare con il benestare del viceré su iniziativa del duca di

Busto Sant’Agata deturpato a colpi di mazza

Particolare del volto della Santa deturpato a colpi di mazza

Carpignano Francesco Lanario, soprintendente generale alle fortificazioni a Catania durante la ricostruzione delle mura della città. L’altarino situato nei pressi di Porta Uzeda, di fronte agli Archi della marina, fu realizzato nel 1621 e venne costruita nel luogo in cui, secondo le tradizioni popolari, le reliquie di Sant’Agata furono trafugate nel 1040 dal generale bizantino Giorgio Maniace e portate successivamente a Costantinopoli, dove rimasero conservate fino al 1126. La fontanella, appellativo conferito dai catanesi, resta tutt’oggi un luogo di grande valore per la cittadinanza: è qui che vengono posati i fiori e le candele accese dai fedeli durante la festa di Sant’Agata. Intanto l’amministrazione comunale ha annunciato che: «si sta già lavorando per mettere a punto il sistema di videosorveglianza del monumento, i cui componenti sono stati messi a disposizione da una ditta privata».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook