Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CAPACI 25 ANNI DOPO: PALERMO RICORDA LA STRAGE, IL PROGRAMMA

CAPACI 25 ANNI DOPO: PALERMO RICORDA LA STRAGE, IL PROGRAMMA

La Nave della Legalità attracca al porto di Palermo con un carico di giovani provenienti da tutta Italia. Messaggio che rafforza la lotta contro le mafie e che la scuola lancia da Nord a Sud.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CAPACI 25 ANNI DOPO: PALERMO RICORDA LA STRAGE, IL PROGRAMMA –

Palermo ricorda il venticinquesimo anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Stato Istituzioni lanciano un unico coro, un’unica voce per dire “no” a tutte le mafie e alla criminalità organizzata. Con questo  Settantamila studenti saranno protagonisti di #PalermoChiamaItalia, l’iniziativa organizzata dalla Fondazione Falcone e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Anche quest’anno arriva la Nave della Legalità, per rafforzare il messaggio contro le mafie che la scuola intende lanciare in maniera capillare in tutto il territorio nazionale. Nel tragitto da Civitavecchia a Palermo oltre mille ragazze e ragazzi si preparano a incontrare le istituzioni e si confronteranno sull’educazione alla cittadinanza e sull’eredità di Falcone e Borsellino. La Nave è salpata da Civitavecchia ieri pomeriggio ed è approdata a Palermo questa mattina che ufficialmente darà il via alle celebrazioni in onore dei magistrati caduti.
Dalla Nave sono sbarcati il Presidente del Senato, Pietro Grasso, la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, il Procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, il Vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini, il Professor Nando Dalla Chiesa. Terminate le celebrazioni, durante il viaggio di ritorno sarà proiettato il film ‘Sicilian Ghost Story’ di Fabio Grassadonia e Antonio Piazza, presentato in anteprima alla Settimana della Critica di Cannes.
La Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli ha sottolineato che: «Legalità, libertà e giustizia sono valori di sempre e per sempre, ma ricordarli nell’anniversario delle stragi di Capaci e di via d’Amelio è un impegno che il mondo della scuola ha fatto suo, perché non c’è educazione senza un corretto senso civico. E i valori trovano contenuto nella memoria, come nell’esempio che ci hanno dato Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Sono passati venticinque anni, un quarto di secolo, da quelle stragi e questo rende l’appuntamento più importante, perché c’è l’opportunità di fare un bilancio, di chiederci quale cammino di consapevolezza è stato fatto da allora. Un cammino che, come lo stesso Falcone ci insegnò, è di tutte e tutti, perché deve essere di tutte e tutti il rifiuto, nella semplicità del quotidiano, delle mafie».
Maria Falcone, sorella del magistrato e Presidente della Fondazione Falcone ha affermato che: «Nel venticinquesimo anniversario delle stragi di Capaci e via d’Amelio  è importante per il Paese fare un bilancio di ciò che l’attivismo di tante donne, uomini, ragazze e ragazzi ha rappresentato in questi anni. Nessun eroe, come auspicava Giovanni Falcone, ma semplici cittadini che hanno dimostrato con impegno civico, quotidiano, il proprio ‘No’ alle mafie. Con questo spirito la Fondazione Falcone, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha voluto promuovere una narrazione dei venticinque anni trascorsi attraverso il racconto e le testimonianze di coloro che hanno portato avanti i valori di libertà e giustizia, che esprimono il vero senso di una comunità corresponsabile».

IL PROGRAMMA:

Ha aperto la giornata di commemorazione l’approdo della Nave della Legalità al porto di Palermo. Ad accogliere la Nave ormai, come ogni anno, centinaia di ragazzi delle scuole siciliane, Maria Falcone presidente della Fondazione Falcone, la Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Rosy Bindi e tutte le maestranze della città.
Le commemorazioni proseguiranno con la cerimonia istituzionale presso l’Aula Bunker del carcere dell’Ucciardone, luogo simbolo del Maxiprocesso a Cosa nostra, dalle 10 fino alle 12.30. Saranno presenti il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il Presidente del Senato, Pietro Grasso, la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, il Ministro dell’Interno, Marco Minniti, il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, la Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, il Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti, il Vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Giovanni Legnini, il Primo Presidente della Corte di Cassazione, Giovanni Canzio, il Presidente dell’Associazione nazionale magistrati Eugenio Albamonte, la Presidente Maria Falcone, rappresentanti dei vertici delle Forze dell’Ordine e dell’Autorità nazionale anticorruzione. Grazie alla collaborazione con la Rai la cerimonia potrà essere seguita in diretta televisiva su Rai Uno dalle ore 9.45. Per la prima volta l’Aula Bunker si trasformerà in una galleria d’arte, ospitando le opere recuperate dal Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.
Il ricordo di Falcone, Borsellino, di Francesca Morvillo e delle loro scorte animerà oggi l’intera città di Palermo. Iniziative, spettacoli e laboratori didattici sono previsti in Piazza Magione, in via d’Amelio e sotto l’Albero Falcone, in via Notarbartolo. Nel pomeriggio si terranno i due tradizionali cortei contro le mafie che vedono protagoniste le scuole, ma sono aperti a tutta la città. Il primo partirà alle ore 15.30 da via D’Amelio.
Il secondo si muoverà alle ore 16.00 dall’Aula Bunker. Entrambi si ricongiungeranno sotto l’Albero Falcone, in via Notarbartolo, per il momento del Silenzio, alle ore 17.58, l’ora in cui è avvenuta la strage di Capaci. Per tutta la giornata circa 50 istituti scolastici di Palermo e provincia apriranno alla cittadinanza con concerti, dibattiti, proiezioni cinematografiche e performance teatrali sui temi della legalità.
Diversi altri appuntamenti si alterneranno durante la giornata nel segno del ricordo e dell’impegno: la trasmissione condotta su Raiuno da Fabio Fazio con Pif e Roberto Saviano, in prima serata “Falcone e Borsellino: orazione civile 25 anni dopo”. Poi tornando, a Palermo, alle 21 al Real Teatro Santa Cecilia, è in programma “Il profumo dei limoni… 25 anni dopo, progetto musicale di Aida Satta Flores in memoria del giudice Giovanni Falcone. Con Aida Satta Flores in “Bellandare”, Sebastiano Burgaretta in “la voce della giustizia”, Angelo Di Liberto in Il bambino Giovanni Falcone, la Corale Polifonica “San Sebastiano” Polizia Municipale di Palermo, diretta dal Maestro Serafina Sandovalli, in “Ed al posto degli spari in città…il profumo dei limoni”, la Fanfara Colonnello Giacomo Alfano dell’associazione nazionale Bersaglieri.
Da inserire in questo panorama il ritorno simbolico della “Quartosavona15”, una delle auto della scorta di Giovanni Falcone, alla caserma Lungaro e domani sarà esposta al Giardino della Memoria lungo l’autostrada, ma anche l’opera d’inchiesta “Parole rubate” di Salvo Palazzolo e Gery Palazzotto sui misteri delle stragi in scena al teatro Massimo.
Infine una mostra “Fidelis” allestita alla caserma Dalla Chiesa, in corso Vittorio Emanuele. Le opere esposte sono il risultato dell’attività che svolge da quasi cinquant’anni il comando Tutela patrimonio culturale, in sinergia con le altre articolazioni dell’arma e con il sostegno del ministero dei Beni culturali. Tra le opere la Testa di Ade, oggi conservata a museo di Aidone, Il concerto (1610 circa) di Bartolomeo Manfredi, maestro di influenza caravaggesca, esposto alle Gallerie degli Uffizi, quattro dipinti di Tintoretto, rubati al museo di Castel Vecchio di Verona nel 2015 e recuperati in Ucraina dopo l’arresto di tutti gli autori del furto, e il tabernacolo ligneo, recuperato dalla Chiesa di S. Antonio Abate ad Amatrice e proveniente dagli interventi dei “caschi blu della cultura” nelle zone terremotate del Centro Italia.
Sarà ricordata anche la figura del giudice Francesca Morvillo, moglie di Falcone, morta con lui nella strage. La cerimonia si svolgerà al Castello a Mare, luogo simbolo di una città sottratta al degrado e all’illegalità, dove lo scorso anno, a conclusione di un progetto di valorizzazione del sito realizzato dal Dipartimento dei Beni Culturali della Regione Siciliana insieme ai giovani detenuti dell’Istituto Penitenziario per i Minori di Palermo, è stata apposta una targa in ricordo di Francesca Morvillo.
Alla cerimonia prenderanno parte il Procuratore Alfredo Morvillo, l’assessore dei Beni Culturali Carlo Vermiglio, il Dirigente Generale del Dipartimento Gaetano Pennino, il Direttore del Polo Regionale di Palermo per i Parchi e i Musei archeologici Francesca Spatafora. Qualche mese fa le polemiche che portarono alla scomparsa del nome della Morvillo dall’intestazione della Fondazione Falcone.
Anche il Consiglio comunale di Palermo ricorda Giovanni Falcone con un’iniziativa: “Palermo ricorda Palermo”. È questo il titolo dell’iniziativa, promossa dalla Presidenza del Consiglio comunale, che si terrà oggi e domani a Palazzo delle Aquile, per commemorare il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.
Il programma della manifestazione, realizzato in collaborazione con l’Associazione Culturale Kleis, prevede oggi alle ore 20.30 la proiezione del docufilm “Il Secondo Tempo”, di Pierfrancesco Li Donni, e alle 21.30 lo spettacolo “Carion, omaggio a Falcone”, di e con Salvo Piparo, musiche eseguite da Costanza Licata e Irene Maria Salerno. Domani 24 maggio alle ore 20.30 lo spettacolo “La Ballata delle Balate”, di e con Vincenzo Pirrotta, musiche di Giovanni Parrinello eseguite da Dario Sulis.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook