Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RISCUOTE PIZZO, FERMATO AD ALTOFONTE

RISCUOTE PIZZO, FERMATO AD ALTOFONTE

L’emissario della cosca è stato ripreso dalle telecamere mentre contava i soldi del pizzo appena riscosso. I carabinieri lo hanno bloccato con delle pistole che portava con se. Arrestato anche il boss.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RISCUOTE PIZZO, FERMATO AD ALTOFONTE –

Il provvedimento è stato preso della Dda palermitana ed eseguito dai carabinieri che hanno arrestato Salvatore Raccuglia, Salvatore La Barbera, Andrea Di Matteo e Giuseppe Serbino, accusati di associazione di tipo mafioso ed estorsione aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso ai danni di un imprenditore di Altofonte comune in provincia di Palermo.
Nel mese di marzo del 2016, l’operazione aveva disarticolato i vertici del mandamento di San Giuseppe Jato e delle dipendenti famiglie mafiose. Inoltre, erano stati arrestati proprio Di Matteo e Serbino con le accuse di mafia ed estorsione.
Stanco delle continue richieste di pizzo subite che avvenivano dal 2000, un imprenditore di Altofonte comune in provincia di Palermo, ha deciso di denunciare i suoi aguzzini descrivendo alcune dinamiche della riscossione perpetrate dalla cosca mafiosa sino alla successione nella gestione attiva della stessa da parte del boss Salvatore Raccuglia. Inoltre, le acquisizioni raccolte nel corso delle indagini e le dettagliate dichiarazioni dell’imprenditore estorto hanno consentito di documentare, oltre alla gestione nel tempo dell’attività di riscossione del pizzo da parte di Di Matteo, Serbino e La Barbera, il ruolo di reggente della famiglia mafiosa di Altofonte ricoperto da Raccuglia.
Subito è stata attivata l’attività investigativa utilizzando sistemi d’intercettazione anche video che ha consentito di documentare la richiesta puntuale e ‘amichevole’ da parte di La Barbera emissario del capo famiglia, in prossimità delle festività Pasquali, con la fissazione di un appuntamento il successivo 15 aprile per il ritiro del contante. Le telecamere installate dai carabinieri hanno  registrato la conversazione avvenuta nell’ufficio dell’imprenditore con La Barbera, riprendendo la consegna delle banconote da 20 e 50 euro, per un totale di 500 euro.
Dopo aver riscosso si stava allontanando a bordo della propria auto, i carabinieri sono intervenuti arrestando La Barbera. Nel corso della perquisizione personale sono stati trovati nelle tasche di La Barbera 1.500 euro, forse frutto di altre estorsioni commesse nella stessa mattinata.
Nella successiva perquisizione nella casa dell’indagato è stata sequestrata un’agenda con appunti relativi alle estorsioni ad Altofonte, i cui proventi erano destinati al mandamento mafioso di San Giuseppe Jato, per il sostentamento delle famiglie dei detenuti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook