Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ASSENTEISMO AL COMANDO DI PALERMO, 70 VIGILI URBANI COINVOLTI

ASSENTEISMO AL COMANDO DI PALERMO, 70 VIGILI URBANI COINVOLTI

L’inchiesta sull’assenteismo al Comando dei vigili urbani di via Dogali a Palermo, coinvolge ora settanta persone, nel fascicolo dei magistrati agenti e dipendenti Coime.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ASSENTEISMO AL COMANDO DI PALERMO, 70 VIGILI URBANI COINVOLTI –

“Furbetti del cartellino” al comando della polizia locale di Palermo. Sarebbero stati individuati settantotto episodi, tanti sono quelli che i pm Francesco Del Bene e Claudia Bevilacqua contestano a settanta indagati, che ora avranno venti giorni di tempo per provare a chiarire le rispettive posizioni, facendosi interrogare o presentando memorie e documenti. Furbetti del cartellino dunque non è uno stereotipo: proprio questa è l’accusa, essersi passati i badge, poi strisciati in blocco da pochi vigili o impiegati del Coime.
Indagini chiuse, processo sempre meno ipotetico e sempre più possibile. Quindi, la maxi-inchiesta sull’assenteismo al Comando dei vigili urbani di via Dogali coinvolge ora settanta persone, tra agenti e dipendenti Coime.
La storia è venuta fuori due anni fa e provocò enrmi imbarazzi all’Amministrazione Comunale. In un primo momento furono indagate 84 persone, però in 12 sono riusciti a precisare le proprie posizioni uscendo da un’indagine su episodi di truffa aggravata e continuata, nel frattempo, due persone che erano finite nell’inchiesta sono morte.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook