Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ACIREALE, COLPISCE IL VICINO A COLPI DI MAZZA

ACIREALE, COLPISCE IL VICINO A COLPI DI MAZZA

Un pensionato cardiopatico è stato aggredito a colpi di mazza da un insegnante genovese di 47 anni. L’uomo lo ha aggredito mentre infuriava la lite per una servitù di passaggio. Dopo aver commesso il fatto si è barricato in casa e minacciando i carabinieri con un fucile. L’aggressore è stato arrestato dai militari dell’arma.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ACIREALE, COLPISCE IL VICINO A COLPI DI MAZZA –

Il fatto è accaduto ieri sera in via Tonno a Guardia Mangano, frazione di Acireale, comune in provincia di Catania. Un docente di filosofia di Genova di 47 anni è stato arrestato dai carabinieri per aver colpito il vicino, al culmine di una lite per una servitù di passaggio. La vittima è un pensionato di 67 anni vicino di casa dell’aggressore che lo ha colpito ripetutamente alla testa con una mazza.
L’anziano aggredito è un invalido civile per una grave forma di cardiopatia. L’uomo è stato subito trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Acireale dove è stato medicato per le ferite alla testa e si trova tuttora sotto osservazione perché i medici temono un aggravamento delle sue condizioni. L’arrestato è stato tradotto nel carcere di Piazza Lanza con le accuse di tentativo di omicidio e minacce aggravate.
Il docente, che saltuariamente dimora nella frazione, ha continuato a colpire la vittima nonostante fosse svenuta e ha colpito anche la moglie del pensionato, intervenuta in soccorso del marito, fino all’arrivo dei carabinieri chiamati dai figli della coppia. Inseguito dai militari, il docente ha imbracciato un fucile minacciandoli e li ha costretti alla fuga.
Solo il blitz del comandante della locale stazione, supportato da altri due militari si è calato dal tetto dell’abitazione fino a raggiungere un terrazzo, dal quale è entrato, attraverso una finestra, nell’abitazione, dove ha bloccato l’uomo.
Nel corso della perquisizione i militari hanno trovato e sequestrato la mazza utilizzata per l’aggressione e alcune armi che l’arrestato deteneva legalmente: tre antiche pistole ad avancarica, due pistole e due fucili ad aria compressa e una balestra completa di sette dardi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook