Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LIBERATO PESCHERECCIO DI MAZARA

LIBERATO PESCHERECCIO DI MAZARA

Due giorni fa da miliziani libici avevano sequestrato il peschereccio "Ghibli Primo". Un twit del ministro Alfano annuncia che: «I membri dell'equipaggio possono tornare dalle loro famiglie».

 

 

LIBERATO PESCHERECCIO DI MAZARA –

Due giorni fa dei miliziani libici avevano sequestrato il motopesca “Ghibli Primo” conducendolo forzatamente in un porto libico e ritirando i documenti ai membri dell’equipaggio. In merito alla vicenda il ministro agli affari esteri Angelino Alfano ha annunciato con un Twit che l’imbarcazione: «può tornare in mare» e «i membri dell’equipaggio dalle loro famiglie. Liberi» ha aggiunto inoltre che la trattativa era andata a buon fine e che si era ottenuto: «Ancora un ottimo risultato».
La storia del il moto pesca “Ghibli Primo” iscritto al compartimento marittimo di Mazara del Vallo che due giorni fa, poco dopo le 9.30 del mattino era stato fermato da miliziani libici a circa 25 miglia nord nord-est dalla zona di Bomba, nell’area di Tobruk. A bordo dell’imbarcazione, di proprietà della società mazarese “Lumifa, si trovavano il comandante Faro Licavoli e altri sei membri dell’equipaggio (tre italiani e tre tunisini). Appena arrivata la notizia, gli armatori Domenico Asaro e Luciano Giacalone, avevano da subito sostenuto che il loro mezzo stesse navigando in acque internazionali antistanti la Libia. Poi l’interessamento della Farnesina e poi la lieta notizia del rilascio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook