Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STATUTO SPECIALE SICILIANO, COMPIE 71 ANNI

STATUTO SPECIALE SICILIANO, COMPIE 71 ANNI

La festa dell'autonomia siciliana compie 71 anni, scuole e alcuni uffici resteranno chiusi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

STATUTO SPECIALE SICILIANO, COMPIE 71 ANNI –

Si festeggia in Sicilia la 71esima ricorrenza dell’attuazione dello Statuto Speciale concesso dal Re Umberto II il 15 maggio 1946. La forma di governo speciale della Sicilia dovrebbe consentire alla nostra regione un’ampia autonomia politica, legislativa, amministrativa e finanziaria.
Nonostante fosse stato pensato con grande armonia e lungimiranza dai fondatori, lo Statuto nel corso degli anni non è stato preso nella dovuta considerazione, infatti non ha prodotto gli effetti sperati, quelli per i quali era stato pensato. Durante il cammino è stato tradito, mal interpretato, abusato e depotenziato, rischiando perfino di essere cancellato per poi cedere su molti aspetti soprattutto fiscali.
Lo Statuto Speciale che si festeggia oggi monco della parte più importante l’autonomia fiscale, eliminata con astuzia a Roma, resta senza autonomia decisionale, senza classe dirigente. Uno documento che resta impresso solo sulla carta, ma che nulla può nel concreto.
Così l’anniversario di oggi è segnato da polemiche e contrasti. Infatti, ieri ad Enna il Movimento per l’Autonomia insieme al Movimento nazionale siciliano hanno riunito le forze per la nuova costituente siciliana. Un partito, quello che può nascere, di moderni autonomisti che guardino al recupero, alla modifica ed al rilancio di una Autonomia siciliana.
Da una parte gli autonomisti che hanno concretizzato nuovamente l’idea e probabilmente si rivedranno il 2 giugno per parlare di Regione, di progetti, di candidature e devono far fronte alle polemiche innescate degli indipendentisti del prof. Massimo Costa. il Movimento Siciliani Liberi è nato dall’esodo di una parte di aderenti a ‘Sicilia Nazione’ che tuttavia non festeggiano lo Statuto e pensano direttamente all’indipendenza di storica memoria.
Intanto in questo clima di festa il presidente della Regione, Rosario Crocetta invece, torna a celebrare lo Statuto nella sala del Politeama, noto teatro palermitano. Una scelta ‘festaiola’ non in linea con i quattro anni precedenti di governo quando lo Statuto Speciale è stato inizialmente dimenticato, poi solennizzato in sordina e nel frattempo dimezzato con accordi romani devastanti. Si potrebbe pensare che le celebrazioni indette dalla Regione potrebbero essere nate nel tentativo di contrastare e deviare le forti idee autonomiste che animano partiti e movimenti con l’intento di limitare la fuga di consensi e calmare le polemiche autonomiste. La considerazione che si fa è che non saranno certo i festeggiamenti e forse neanche l’apparenza a salvare lo Statuto Speciale già massacrato e depotenziato da illogici accordi romani. Resta chiaro il fatto, che nonostante le varie opinioni e polemiche sollevate nel ricordo dell’autonomia siciliana ormai massacrata il 5 novembre i siciliani si recheranno alle urne per eleggere un nuovo governo che dovrebbe per altri cinque anni reggere la situazione politico-amministrativa dell’isola.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook