Archiviato in | Musica, Spettacolo

RAPPRESENTATA “DER ROSE PILGERFAHRT” AL BELLINI

RAPPRESENTATA “DER ROSE PILGERFAHRT” AL BELLINI

Si tratta di una forma di teatro immaginario di ispirazione intima e delicata ma carico di autentico spirito romantico. Si muovono all’interno del racconto immagini naturalistiche, fatate, con cori caratteristici di cacciatori e contadinelle interpretate per voci e piano.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

RAPPRESENTATA “DER ROSE PILGERFAHRT” AL BELLINI –

Der Rose Pilgerfahrt è stata rappresentata ieri al Teatro Bellini dall’Orchestra diretta da Ross Cragmile, (ormai noto per le sue frequenti apparizioni al pubblico etneo), e dal Coro, fiori all’occhiello del prestigioso Ente musicale tanto amato dai catanesi. Il pianoforte lo ha suonato con virtuosismo e competenza Saskia Giorgini, musicista italiana vincitrice nel 2016 del prestigioso concorso internazionale Mozart di Salisburgo e ospite di importanti sale e istituzioni. Validi professionisti i sette solisti, tra cui Marta Mathèu (Rosa), Mario Sapienza (Il becchino), David Alegret (Tenore), Graziella Alessi (Soprano), Salvatore Todaro (mugnaio), Antonella Fioretti (Mezzosoprano), Franca Aparo (Contralto) e la voce di Ezio Donato che, in qualità di narratore, ha avuto il compito di illustrare e commentare passo passo la vicenda di Rosa. Si muovono così all’interno del racconto immagini naturalistiche, fatate, con cori caratteristici di cacciatori e contadinelle interpretate per voci e piano.
Robert Alexander Schumann racconta in musica la storia di una rosa trasformata in fanciulla. L’opera “Der Rose Pilgerfahrt”(Il pellegrinaggio della Rosa) è stata composta secondo le forme dell’ oratorio in, partitura, mai interpretata a Catania, a più di un secolo e mezzo dalla composizione era stata rappresentata in Italia soltanto nel 2006. La storia immagina una rosa che, fortemente desiderosa di vivere un’ esistenza umana e di sapere cos’ è l’ amore, viene trasformata in fanciulla dalla Regina degli elfi. Durante il suo pellegrinaggio nel mondo, Rosa, incontrerà in particolar modo tristezza e dolore e già si dovrà apprestare a subire il rifiuto della vecchia Marthe che le nega ospitalità. Nel suo peregrinare troverà accoglienza presso un becchino, intento a scavare la fossa per una ragazza di cui Rosa assumerà poi le fattezze, guadagnando così anche l’affetto dei genitori mugnai. Si sposerà, darà alla luce un figlio e sacrificherà la propria vita donando a lui quella rosa, fiore dell’eterna felicità, che la Regina degli elfi le aveva consegnato al principio del viaggio. Rosa lascia per sempre il mondo mutatasi, ora, in angelo purissimo cui i serafini danno il benvenuto in cielo. L’opera è del poeta-avvocato Moritz Horn (1814-74), questo poema di gusto Biedermeier affascinò subito Schumann che ne approntò una trasposizione musicale. Si tratta di una forma di teatro immaginario di ispirazione intima e delicata ma carico di autentico spirito romantico.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook