Archiviato in | Sport

IL GIRO IN SICILIA

IL GIRO IN SICILIA

I corridori sbarcano in Sicilia per affrontare le tappe isolane che si prospettano molto interessanti: da Cefalù al Rifugio Sapienza. Feste e qualche disagio nei comuni attraversati dal percorso per un prezioso anniversario che compie cento anni.

 

 

IL GIRO IN SICILIA –

Il Giro d’Italia approda in Sicilia con 8 tappe suddivise in 3 categorie. La manifestazione ciclistica così festeggia i suoi cento anni e per l’occasione gli organizzatori hanno previsto due tappe impegnative e nello stesso tempo affascinanti che caratterizzeranno il passaggio nell’isola.
E’ chiaro che il percorso più interessante sarà la scalata su per le strade dell’Etna. I ciclisti che aspirano a vincere la competizione sono al corrente di tenere sempre presente le due tappe che si arrampicano su per il vulcano che potranno regalare sorprese e cominciare a fare selezione.
La tappa odierna prevede 181 km da Cefalù fino al Rifugio Sapienza. Si partirà dalla cittadina normanna alle 12 che in altre tre occasioni è stata sede di partenza del Giro: nel 1976 (vittoria di Gimondi), 1982 (Hinault) e 2008 (Contador). Tre le province interessate dalla corsa, lunga 181 chilometri: Palermo, Messina e Catania.
Così la carovana seguirà il lungomare tirrenico fino a Sant’Agata di Militello dove comincerà la scalata ai nebrodi, la prima della giornata. Il primo gran premio della montagna, infatti, è fissato ai 1524 metri di Portella della ginestra nel palermitano.
Successivamente alla tappa sui Nebrodi, comincia la volata verso l’Etna e in direzione del primo traguardo volante, a Bronte comune in provincia di Catania. Poi un alternarsi di ripide salite e discese su e giù per i comuni etnei. Come dicevamo, da Bronte ad Adrano, passando per Biancavilla che resta il secondo traguardo volante. E ancora Santa Maria di Licodia, Ragalna e, per fermarsi a Nicolosi.
Proprio dal paese alle pendici dell’Etna comincia la parte più difficile del percorso siciliano. Sono quasi 18 km in salita per arrampicarsi su per la strada che porta sull’Etna per poi raggiungere l’agognato arrivo del Rifugio Sapienza. Proprio così i corridori seguiranno il percorso della storica Catania-Etna di automobilismo. In questo caso saranno le gambe dei corridori a fungere da motore. Una dura prova che metterà alla prova la resistenza dei partecipanti messe a dura prova dalle pendenze una media del 7.5% di inclinazione fino a raggiungere il 12% nella salita del ‘Salto del Cane’. Proprio in questo punto, che determinerà il vincitore della tappa, provando a scattare e tentare la fuga verso il traguardo.
La contrada Salto del Cane è stata ampiamente ripulita così come altre aree attraversate dalla sp 92, la strada che si inerpica fino al traguardo allestito al Rifugio Sapienza.
Nei paesi in cui passerà il Giro sono stati predisposti divieti e percorsi alternativi e i cittadini saranno invitati a rispettare le disposizioni con strade e scuole chiuse per consentire, senza particolari problemi, il passaggio dei ciclisti. Infatti la carovana rosa nella tappa successiva, partirà dal comune di Pedara per raggiungere Messina.
Sono tante le attività collegate alla manifestazione sportiva che organizzeranno i comuni dai quali passerà il giro. Infatti, a Pedara grande festa dove il giro ripartirà per la quinta tappa. Anche Catania saluterà gli sportivi, con la mostra «Sicilia. Amore infinito» realizzata per festeggiare i cento anni del Giro d’Italia. L’esposizione offrirà al pubblico le immagini di un affascinante viaggio nelle passate edizioni del Giro d’Italia che hanno fatto tappa in Sicilia. Sarà un percorso costruito attraverso le pagine sportive della Gazzetta dello Sport, dei quotidiani locali, arricchito da filmati e maglie d’epoca, che consentirà di rivedere attraverso i cento anni della corsa, i successi degli sportivi passati ormai alla storia, aneddoti e avventure che si sono avvicendate durante i percorsi di Sicilia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook