Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA, ALTRI 500 MIGRANTI CON LA NAVE ‘SIRIO’

CATANIA, ALTRI 500 MIGRANTI CON LA NAVE ‘SIRIO’

La nave ‘Sirio’ della Marina Militare porta a Catania altri 500 migranti con il triste presagio di un nuovo naufragio: forse 80 morti.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA, ALTRI 500 MIGRANTI CON LA NAVE ‘SIRIO’ –

Non si ferma la nuova ondata di sbarchi nei porti siciliani Mentre. Intanto i migranti sopravvissuti sbarcati a Pozzallo (Rg), riferiscono di un nuovo naufragio che avrebbe causato 80 morti. Il pattugliatore Fiorillo ha traghettato nel porto del paese i superstiti, che dovrebbero essere circa 40, con a bordo altri 407 migranti.
La vicenda raccontata dai superstiti narra che erano partiti a bordo di un gommone dalla Libia in 120 e che il natante era sovraccarico. Poi ha incominciato a imbarcare acqua. A un certo punto
Circa 80 dei passeggeri sono finiti in mare. Gli altri sono rimasti in acqua per molto tempo fino all’arrivo dei soccorritori che li hanno tratti in salvo. Sulla tragedia ha aperto un’inchiesta la Procura di Ragusa.
Oggi l’arrivo a Catania di quasi 500 migranti a bordo del pattugliatore d’altura della marina militare italiana ‘Sirio’.
Sabato mattina, nel porto etneo, sono sbarcati 394 migranti trasportati dalla nave della Ong-Moas. Con loro anche il corpo senza vita di un giovane migrante di 21 anni, originario della Sierra Leone, trovato morto sul fondo di un gommone, vegliato dal fratello. Anche per questa morte sotto il coordinamento dalla Procura etnea sono in corso le indagini degli agenti della Squadra Mobile di Catania. Secondo la ricostruzione fatta dai sopravvissuti e dallo stesso fratello del migrante deceduto, sarebbe stato ucciso dai trafficanti libici.
Il corpo, da una prima ispezione cadaverica, presenta almeno un foro causato da un’arma da fuoco, potrebbe essere stato un proiettile di pistola, forse sparato alle spalle. Il movente dell’omicidio non è stato ancora accertato: da alcune deposizioni di migranti ai soccorritori di Moas, potrebbe essere legato al rifiuto della vittima di consegnare il proprio cappellino da baseball a un trafficante, che lo avrebbe ucciso dopo il diniego.
E’ stata invece poi ricostruita la dinamica: la sparatoria sarebbe avvenuta su un gommone e il corpo sarebbe rimasto sul fondo del natante vegliato dal fratello.
Nel fine settimana appena concluso sono più di 3000 i migranti recuperati in diverse operazioni di soccorso e poi destinati nei porti di Reggio Calabria, Catania, Augusta, Pozzallo e Messina.
Intanto, nel Mar Mediterraneo continuano le manovre di ricerca di altri 20 avvistamenti e per le otto segnalazione arrivate tramite telefono satellitare. Dell’utilizzo dei telefoni satellitari ha parlato nei giorni scorsi il Procuratore di Catania Carmelo Zuccaro che ha ipotizzato un collegamento tra i trafficanti di uomini e le Ong le quali respingono le accuse.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook