Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SI È SPENTO GIOVANNI TINEBRA

SI È SPENTO GIOVANNI TINEBRA

E’ morto Giovanni Tinebra ex procuratore generale della Repubblica di Catania aveva 76 anni. Grave lutto nel mondo della magistratura siciliana. Dal '92 al 2001 fu titolare delle inchieste su Capaci e via D'Amelio. Dal 2014 è stato presidente della Commissione tributaria provinciale di Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SI È SPENTO GIOVANNI TINEBRA –

Si è spento all’età di 76 anni a Catania l’ex procuratore generale Giovanni Tinebra. In lutto il mondo della magistratura siciliana. Originario di Caltanissetta era da tempo malato.
Il magistrato fu Procuratore della Repubblica di Caltanissetta Dal luglio 1992 al 2001. In quegli anni fu titolare delle inchieste per la strage di Capaci e per la strage di via d’Amelio «basato totalmente sulle dichiarazioni di Vincenzo Scarantino, pentito ritenuto successivamente inaffidabile».
Nel 2001 prende il posto di Giancarlo Caselli al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Lascia il DAP nel novembre 2006 dopo essere stato nominato all’unanimità dal Consiglio Superiore della Magistratura Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Catania ruolo che mantenne fino alla pensione nel 2014. Già vice presidente di Magistratura Indipendente e presidente del Comitato scientifico dell’Osservatorio permanente criminalità organizzata di Siracusa. Dal 2014 è stato presidente della Commissione tributaria provinciale di Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook