Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DECAPITATO IL GRUPPO MAFIOSO DI BELPASSO

DECAPITATO IL GRUPPO MAFIOSO DI BELPASSO

Tra i 15 fermi, anche il boss Navarria definito il capo dell’organizzazione criminale. L’uomo era a piede libero dopo 26 anni di carcere, noto perché faceva sparire i cadaveri per conto del clan Santapaola-Ercolano. Gli arrestati sono tutti accusati di associazione mafiosa, spaccio di droga, estorsione, rapina e sequestro di persona.

 

 

DECAPITATO IL GRUPPO MAFIOSO DI BELPASSO –

Questa mattina all’alba importante operazione antimafia alla quale hanno partecipato oltre 100 Carabinieri del Comando Provinciale di Catania con unità specializzate, hanno eseguito nella provincia un provvedimento cautelare emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale etneo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti di 15 indagati accusati di fare parte del ‘gruppo di Belpasso’ del clan Santapaola-Ercolano.
Le indagini, sono coordinate dalla Dda della Procura di Catania. Gli accertamenti hanno consentito di ricostruire l’organigramma del clan, l’ingente volume di affari del gruppo con la vendita di cocaina e marijuana, estorsioni a imprenditori locali e rapine nei confronti di autotrasportatori.
A capo dell’organizzazione spiccherebbe il nome del boss Carmelo Aldo Navarria, scarcerato e rimesso in libertà nel 2014 dopo 26 anni di reclusione per sei omicidi. Negli anni Ottanta era consideratolo ‘spazzino’ della cosca, perché faceva sparire i cadaveri, per conto del clan del Malpassotu, che era il braccio armato del capomafia Nitto Santapaola. I fermati sono: Gaetano Doria, classe 1969; Michele La Rosa, classe 1971; Rosario La Rosa, classe 1978; Carmelo Aldo Navarria, classe 1962; Patrizia Paratore, classe 1966; Gianluca Presti, classe 1981; Mirko Presti, classe 1987; Antonino Prezzavento, classe 1970; Stefano Prezzavento, classe 1985; Carmelo Salvatore Asero, classe 1957; Simonetta Battaglia, classe 196; Concetta Fichera, classe 1965; Claudio Grasso, classe 1975; Salvatore Leotta, classe 1964; Giuseppe Nicosia, classe 1962.
Gli indagati sono accusati, a vario titolo di associazione mafiosa, spaccio di droga, estorsione, rapina, sequestro di persona, danneggiamento seguito da incendio e riciclaggio con l’aggravante del metodo mafioso.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook