Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA, MULTA A CASA SE VAI A PROSTITUTE

CATANIA, MULTA A CASA SE VAI A PROSTITUTE

Una ordinanza del Comune sanzionerà prostitute e clienti. Bianco: «Contrasto alla prostituzione e tutela della sicurezza urbana». Saranno elevate multe fino a 300 euro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CATANIA, MULTA A CASA SE VAI A PROSTITUTE –

Le prostitute e i clienti che saranno sorpresi in alcune zone di Catania saranno sanzionati, le prime a offrire per strada prestazioni sessuali, i secondi a concordarle, da oggi al 31 dicembre 2017 saranno multati per una cifra che oscilla tra i 200 e i 300 euro.
In merito al provvedimento, il sindaco di Catania Enzo Bianco ha evidenziato: «Faremo multe salate a chi esercita la prostituzione su strada ma anche ai clienti che si fermano con la macchina. Se la prostituta collabora e dice chi è il suo sfruttatore faremo scattare un’esimente e offriremo loro la possibilità di andare in un centro d’accoglienza. La vecchia giustificazione del cliente che dice di essersi fermato per chiedere un’informazione stradale – ha sottolineato il sindaco di Catania – non basterà più. Gli faremo la multa e gliela recapiteremo a domicilio».
Le multe saranno spedite al domicilio, secondo un’ordinanza del sindaco Enzo Bianco sul “Contrasto alla prostituzione e tutela della sicurezza urbana” in applicazione delle nuove norme sul ‘Daspo urbano’.
L’ordinanza è stata resa possibile dall’introduzione da parte del Consiglio dei Ministri di un articolato pacchetto di misure che hanno l’obiettivo di aumentare la sicurezza nelle città grazie a nuovi e maggiori poteri assegnati ai sindaci.
La multa prevista non sarà applicata nei confronti della prostituta se risulta essere vittima di violenza, di grave sfruttamento o in stato di particolare disagio ed in tal caso potrà essere richiesto l’intervento dei servizi sociali o di organizzazioni non governative per l’assistenza, il recupero e l’integrazione sociale. Il provvedimento prevede che le vittime potranno essere avviate a programmi di sostegno e reinserimento psicologico e sociale. Comunque per i clienti scatterà comunque la multa prevista.

Una risposta a “CATANIA, MULTA A CASA SE VAI A PROSTITUTE”

  1. Francostars ha detto:

    Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook