Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PRIMO MAGGIO D’IMPEGNO, NON DI FESTA

PRIMO MAGGIO D’IMPEGNO, NON DI FESTA

Sono sfilati in diecimila con i leader dei sindacati Cgil, Cisl e Uil a Portella della Ginestra in provincia di Palermo. Camusso: «La priorità è il lavoro per i giovani». Barbagallo: «Lottare per legalità e sviluppo». Furlan: «Più investimenti per creare occupazione».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PRIMO MAGGIO D’IMPEGNO, NON DI FESTA –

I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo hanno aperto le celebrazioni del Primo Maggio con la deposizione di una corona al cimitero di Piana degli Albanesi (Palermo) dove sono sepolte le vittime dell’eccidio di Portella della Ginestra, nei 70 anni dalla strage. Secondo i sindacati i partecipanti sono diecimila.
C’era anche Rosy Bindi, presidente della commissione Antimafia che è arrivata per portare il suo omaggio nel ricordo dei 70 anni dalla strage. Era presente sul luogo dove avvenne la strage, Serafino Petta, 86 anni che sopravvisse all’eccidio. La Bindi è stata accompagnata dal sindaco di Piana, Vito Scalia accompagna. Nel tragitto alcuni cittadini hanno chiesto alla presidente della commissione la pubblicazione degli ulteriori atti sulla strage. La Bindi ha risposto: «Abbiamo chiesto tutto quello che c’era e abbiamo pubblicato tutto quello che abbiamo». Intanto, Francesco Petrotta dell’Associazione Portella ha spiegato: «Noi chiediamo gli atti istruttori della Procura di Palermo sui mandanti che sono archiviati».
Lo ha detto Susanna Camusso, segretaria nazionale della Cgil in occasione delle celebrazioni del 1 maggio la cui festa nazionale quest’anno si tiene a Portella della Ginestra in provincia di Palermo in occasione dei 70 anni dalla strage di lavoratori che lì fu consumata, ha detto: «L’emergenza prioritaria del paese è la disoccupazione giovanile, la creazione di lavoro la politica degli investimenti. Non si può non continuare a non vedere e a non correggere il fatto che investimenti privati e pubblici hanno continuato a diminuire in questi anni. Se non riparte il sistema degli investimenti pubblici dedicati anche a curare il nostro Paese, raccontare ai giovani se ci sarà per loro una prospettiva di lavoro è falso».
Carmelo Barbagallo, segretario generale della Uil in occasione del 1 maggio ha invitato a «fare ripartire il mezzogiorno per far ripartire l’Italia. Bisogna lottare per la legalità, nello sviluppo” ha detto a margine del corteo per la festa dei lavoratori. Proprio il 1 maggio c’è bisogno di impegnarsi – ha detto – se pensiamo che anche l’altro giorno è morto un giovane di 21 anni sul lavoro e un altro si è suicidato perché non trovava un’occupazione stabile, vuol dire che non abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare. Serve riprendere dal mezzogiorno. 70 anni fa c’è stata la strage di portella a poche settimane dall’approvazione della Carta Costituzionale che al primo punto riporta: l’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro. Sul lavoro stanno cercando di affondarla, bisogna reagire – ha detto Barbagallo – Bisogna fare in modo che le imprese riprendano le proprie attività. Bisogna far ripartire il mezzogiorno per far ripartire l’Italia. Bisogna creare le infrastrutture, innovare e rendere produttiva una realtà che non può vivere di assistenza. Bisogna lottare per la legalità ma nello sviluppo. Da Portella dobbiamo dare questo segnale: legalità, sviluppo, più futuro per i giovani e occupazione».
Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl nel suo intervento ha detto: «Se c’è una cosa che la crisi ha insegnato al Paese è che o tutto il Paese riparte, a partire dal Sud, o non supereremo mai totalmente la crisi. Parlare di Sud è parlare di investimenti importanti, infrastrutturali, sull’occupazione, sulla ricerca, di cultura del lavoro e della legalità». Aggiunge la Furlan: «L’emergenza che da tanti anni attraversa il nostro paese è il tema del lavoro: come rilanciamo l’economia del paese, lo sviluppo e la crescita e come creiamo occupazione per i tanti disoccupati: in modo particolare i giovani, per i tanti lavoratori e le tante lavoratrici che ogni giorno temono di perdere, il lavoro». Contemporaneamente mentre a Portella si svolgeva la manifestazione dei sindacati, a Lentini in provincia di Siracusa in piazza sono scesi i movimenti a difesa del territorio per un’altra manifestazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook