Archiviato in | Politica, Politica Regionale

FINANZIARIA APPROVATA, CROCETTA PENSA AL NUOVO GOVERNO

FINANZIARIA APPROVATA, CROCETTA PENSA AL NUOVO GOVERNO

Approvata la Finanziaria il presidente non ha più bisogno dei voti degli alleati in aula per portare a termine la legislatura. Dopo le Primarie del Pd potrebbe effettuare scelte forti che in varie occasioni del suo mandato ha minacciano di assumere.

 

 

FINANZIARIA APPROVATA, CROCETTA PENSA AL NUOVO GOVERNO –

La legge di stabilità regionale è stata approvata con 37 voti a favore, 15 contro e sette astenuti. A Sala d’Ercole Il sì definitivo è arrivato, dopo una lunga seduta di ieri che si era sciolta perché era venuto meno il numero legale proprio in occasione del voto finale. Intorno all’una di notte si è finalmente concluso l’iter di approvazione dei 16 articoli ai quali è stata ridotta la manovra (12 dei 42 punti della Finanziaria e 4 prelevati dal disegno di legge collegato). Manca, ormai, solo il voto finale per il quale è mancato il numero legale. Oggi si dovrà mettere la parola fine con un voto, un allineamento fra bilancio e finanziaria e un nuovo voto conclusivo. Una procedura che, ormai, è poco più di una formalità per la quale nella notte, però, è tornato a mancare il numero legale.
All’interno dell’atto amministrativo si prevedono le spese necessarie alla sopravvivenza della Regione e quelle legate alle polemiche degli ultimi mesi ma non vi è una sola scelta politica o un solo provvedimento per lo sviluppo, né un finanziamento.
Nella finanziaria sono stati previsti i fondi per i disabili, in gran parte prelevati dal Fondo Pensione dei regionali. Così il presidente annuncia la sua ‘promessa mantenuta’ e parla di quasi 250 milioni ma in realtà i nuovi fondi sono i 36 milioni dei discussi emendamenti delle ultime settimane. Gli altri sono quelli ordinari per la cura, l’assistenza a carico del servizio sanitario o di quello socio assistenziale di Asp e comuni. E sempre quei 36 milioni sono al centro di una violenta polemica che si protrae ormai da tempo. Proprio ieri i disabili avevano rivolto un appello al Presidente della Repubblica.
Da considerare la polemica più ampia sul Fondo Pensioni. Dagli accantonamenti dei contributi versati dai dipendenti regionali vengono prelevati non solo i soldi per i disabili (in parte imposti come spesa ai Comuni) ma anche i fondi per l’acquisto degli immobili che la Regione aveva venduto ad un fondo per poi riaffittarli e adesso riacquista caricandone l’onere proprio sul Fondo Pensioni. Per i dipendenti si tratta di uno scippo vero e proprio e già si punta l’indice su nomi e cognomi dei 36 deputati che hanno votato la norma.
Inoltre sono stati stanziati 6 milioni di euro per l’avvio al lavoro degli ex sportellisti. E ancora un sì ai trasferimenti ai comuni per i quali era già stato dato l’ok inclusi quelli per le ex province. Ci sono i fondi per i forestali e per i Consorzi di bonifica. Via libera anche alla norma sugli enti in liquidazione, come: Eas, Espi, Ems, Terme di Acireale e Sciacca, e ancora l’Arsea, l’Agenzia della Regione siciliana per le erogazioni in agricoltura. Ok alla stabilizzazione di circa seimila Asu (precari degli enti locali utilizzati come amministrativi) e salvataggio per i precari e pensionati ex Asi oggi Irsap.
La prossima settimana una nuova conferenza dei capigruppo Ars per decidere il futuro del ddl collegato che contiene tutte le proposte della Finanziaria scorporate dalla una manovra approvata ma monca. Bisognerà decidere se calendarizzarlo e quando. Molte le richieste di farlo subito ma il clima non sembra favorevole e da domani, inoltre, l’Ars entra nel suo semestre bianco, l’ultimo della legislatura quello durante il quale non dovrebbe far nulla che non sia indifferibile.
Così, senza più vincoli di maggioranza né esigenze di far passare dal Parlamento tutti i suoi provvedimenti il presidente Crocetta potrebbe pensare di esautorare i vecchi assessori e rimodulare una giunta di suoi fedelissimi fino alla scadenza della legislatura.
Il voto in aula è stato velocissimo e nell’immediato futuro si completerà col voto dell’intera manovra, dopo che la giunta si riunirà per gli aggiustamenti al bilancio. A votare contro la Finanziaria Nello Musumeci, Totò Lentini, buona parte del gruppo di Forza Italia e compatti i presenti in aula del Movimento cinque stelle. Dopo l’approvazione i grillini hanno criticato la manovra Finanziaria votata.
Stupisce il silenzio del presidente che in questi giorni non non si è fatto sentire proprio, forse per non creare ulteriori problemi, così come in passato che si è sempre rivoltato contro tutto e contro tutti, lanciando accuse a chi lo osteggiava o la pensava diversamente da lui. Durante l’iter di questa finanziaria, invece, è rimasto quasi in silenzio incassando i colpi bassi senza reagire.
Crocetta dopo l’approvazione della Finanziaria farà sicuramente qualcosa e una volta libero da questi vincoli potrebbe rivedere e mettere in pratica una strategia tutta sua.
Dopo il voto incurante degli equilibri di maggioranza all’interno dell’Ars il presidente avrebbe anche la possibilità, considerato che il Consiglio dei Ministri ha impugnato la legge sui commissari nelle Asp, di effettuare nomine all’interno del mondo sanitario e in altri settori che lo potrebbero avvantaggiare.
Approvata la Finanziaria regionale e a circa sei mesi dalla fine della legislatura, potrebbe essere la volta buona per una decisa svolta con conseguente rimpasto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook