Archiviato in | Musica, Spettacolo

TEATRO BELLINI, SUL PALCO L’AETNA STRING QUARTET

TEATRO BELLINI, SUL PALCO L’AETNA STRING QUARTET

Ascoltandoli sembrano una società ideale, una “democrazia musicale”, dove il ruolo del singolo strumento è sempre individuale, ma in accordo con gli altri; con questo esercizio democratico, a tutti si dà voce, nessuno emerge in modo predominante o prevaricante sugli altri.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TEATRO BELLINI, SUL PALCO L’AETNA STRING QUARTET –

Tre professori d’orchestra del Teatro Massimo Bellini – i violinisti Marcello Spina e Alessio Nicosia con il violoncellista Alessandro Longo – assieme ad un docente dell’Istituto Musicale,  il violista Gaetano Adorno, hanno dato vita da qualche tempo a una formazione cameristica, alla quale hanno voluto dare un nome legato al territorio: “Aetna String Quartet” .
Questi eccellenti musicisti si sono esibiti ieri sera nel teatro dove sono di casa: l’emozione era comunque palpabile, anche perché in platea, assieme ad un qualificato pubblico di appassionati, vi erano numerosi colleghi orchestrali. Splendida prova. Applausi e richiesta di bis, mentre gli spettatori trattenevano con “bravi!- bravi!” gli artisti che uscivano di scena.
La serata musicale ha attinto al repertorio quartettistico di tre grandi compositori –  Mozart, Borodin e Dvorak – con un percorso cameristico lungo oltre un secolo, dal primo classicismo viennese sino al tardo romanticismo. Sono state eseguite tre composizioni collegate a diverse aree geografiche: la Lombardia, dove Mozart compose il suo quartetto per archi op. 4 (K 157); San Pietroburgo, dove nel 1882 Borodin eseguì per la prima volta il suo quartetto per archi n. 2; la Boemia di Dvorak, autore del quartetto per archi n. 12 op.  96, detto anche “L’Americano” perché composto al di là dell’Atlantico.
L’ Aetna String Quartet è di grande impatto. Con il suo equilibrio, uditivo ed estetico, lascia il segno nel pubblico. La gradevolezza è accresciuta dal rito che accompagna il concerto: luci basse, poltrone rosse nella penombra, spettatori tesi ad ascoltare ogni passaggio dei quattro musicisti, i cui corpi sono ben illuminati da fari con fasci di luce convergenti. Ascoltandoli sembrano una società ideale, una “democrazia musicale”, dove il ruolo del singolo strumento è sempre individuale, ma in accordo con gli altri; con questo esercizio democratico, a tutti si dà voce, nessuno emerge in modo predominante o prevaricante sugli altri.
“La musica da camera è diffusa in altre aree europee, mentre è negletta in Sicilia: occorre un maggiore sostegno da parte delle istituzioni”. Così ha dichiarato il violista Adorno, che si è fatto portavoce dell’Aetna String Quartet, consegnando in una intervista anche progetti, speranze e timori del gruppo musicale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook