Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RISSA NEL QUARTIERE SAN BERILLO DI CATANIA

RISSA NEL QUARTIERE SAN BERILLO DI CATANIA

Nel vecchio rione a luci rosse di Catania si è consumata l’ennesima lite tra un giovane maltese e alcuni spacciatori del Gambia. Ormai da tempo il rione è in mano alle bande di spacciatori. Il Consigliere comunale Giuseppe Castiglione: «oltre all’emergenza sociale, c’è una carenza di sicurezza che non ha precedenti».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RISSA NEL QUARTIERE SAN BERILLO DI CATANIA –

Agitazione nel quartiere storico ‘San Berillo vecchio’ nel centro di Catania. Ennesima lite poco chiara tra un giovane maltese e alcuni spacciatori del Gambia. Lanciato l’allarme in breve tempo sono arrivate nella zona numerose volanti della polizia che hanno circoscritto il luogo dell’incidente mettendo in allerta l’intero quartiere.
Giuseppe Castiglione del gruppo consiliare Grande Catania ha raccontato che: «Un intero quartiere sotto assedio, un intero territorio vittima di degrado, schiamazzi notturni e abbandono in quantità industriale. Quello che è successo la scorsa notte è solo uno dei tanti episodi che sottolineano qui, oltre all’emergenza sociale, c’è una carenza di sicurezza che non ha precedenti. Risse e violenze tra gruppi di extracomunitari con l’intervento delle volanti della polizia che ha evitato conseguenze peggiori».
Dopo questa descrizione il consigliere comunale pone dei quesiti: «Fino a quando gli abitanti di via Sturzo e via Di Prima saranno costretti ad ammirare dai loro balconi uno spettacolo tanto pericoloso e penoso? Cosa fa l’amministrazione comunale per tutelare la loro incolumità? Tutte questioni che sottoporremo al sindaco Bianco».
Secondo il consigliere Castiglione: «Il tempo delle passerelle e delle chiacchiere è finito, servono i fatti. La “city” di Catania che in realtà la sera si trasforma nella più emarginata delle periferie con gli extracomunitari che si impossessano delle case abbandonate. Catapecchie che accolgono un’umanità disperata oppure diventano discariche abusive a cielo aperto. A questo va aggiunto anche il nodo legato alla presenza di tante donne che, pure in pieno giorno, esercitano il mestiere più vecchio del mondo. Come si può parlare di rilancio del territorio se l’amministrazione comunale non muove un dito di fronte a questi episodi? Deve scapparci per forza la tragedia prima di operare e ottenere così quei risultati di decoro e sicurezza che i residenti di via Di Prima e via Sturzo aspettano da anni?”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook