Archiviato in | Politica, Politica Regionale

FINANZIARIA REGIONALE, SI RICOMINCIA

FINANZIARIA REGIONALE, SI RICOMINCIA

L’intera settimana è bastata solo per far approvare solo un articolo della Finanziaria regionale ora resto poco tempo per correre ai ripari. Ma intanto nell’occhio del ciclone la polemica sulle pensioni d’oro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FINANZIARIA REGIONALE, SI RICOMINCIA –

Tutti i parlamentari regionali si sono dati appuntamento alle ore 16 in aula all’Ars per discutere la Finanziaria. Ancora bisogna approvare 41 articoli e quasi 800 emendamenti e ancora non si è raggiunto nessun accordo. Restano ancora quasi quattro giorni ma sicuramente l’assemblea farà in modo di allungare i tempi per la votazione finale di bilancio di previsione e legge di stabilità che chiuderà questa legislatura.
Intanto l’ennesima polemica sulle pensioni d’oro fa discutere. secondo la Corte dei Conti I tagli effettuati in passato alle pensioni sono illegittimi. La decisione potrebbe dipendere dall’aver fatto tutto in fretta e in maniera imprecisa. un ex dipendente regionale si era rivolto alla Corte dei conti, innanzi alla quale aveva sollevato la questione di legittimità della norma sottolineando i profili di incostituzionalità del contributo di solidarietà chiesto dall’Ars in aggiunta a quello statale.
In merito il Presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone è intervenuto dicendo: «È il risultato di quando si parla alla pancia della gente, di quando si fanno norme spot senza tenere come riferimento principale esclusivamente le leggi. Così è fin troppo facile alimentare l’antipolitica. Anzi, è quanto di più semplice ci possa essere. Quando ho difeso l’autonomia del Parlamento siciliano, restando assolutamente isolato e diventando bersaglio anche a livello nazionale l’ho fatto perché il mio unico faro è stato, ed è, la Costituzione della Repubblica Italiana, alla quale tutti, politici, giornalisti e show-man compresi, dobbiamo sottostare. Altrimenti ci trasformeremmo in semplici leoni da tastiera, la cui unica produzione sarebbe quella di ‘fake laws’ e ‘fake news’».
E ancora il presidente dell’Ars ha aggiunto: «La nostra forza deriva dalla conoscenza delle leggi. Difendendo l’Ars, quando c’era la rincorsa a chi voleva tagliare di più, ho difeso la Costituzione. L’ordinanza del giudice Colavecchio spero possa essere da monito quando ritorneremo in Aula per procedere all’approvazione del bilancio e della legge di stabilità. È chiaro, ovviamente, che va fatto tutto con cautela, senza norme spot. Ribadisco: unico faro è e sarà la Costituzione». In conclusione Giovanni Ardizzone ha sottolineato: «Non intendo assolutamente replicare alle gravi accuse spesso infamanti delle tv nazionali alimentate, più o meno consapevolmente, dalle testate giornalistiche locali. Non mi aspetto neanche le scuse di tutti coloro che mi hanno additato come lo strenuo difensore della casta, soprattutto per non aver voluto estendere quella norma al personale dell’Assemblea regionale, ma almeno abbiano, per il futuro, il buon senso di tacere, se non conoscono le leggi».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook