Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ANZIANA UCCISA CON UNA VIOLENTA BOTTA IN TESTA

ANZIANA UCCISA CON UNA VIOLENTA BOTTA IN TESTA

I sospetti su una possibile violenta lite condominiale. La vittima, Giuseppina Orobello, 71 anni, è stata trovata in casa in un lago di sangue. Il presunto assassino è stato fermato, si chiama Toni Lanza e ha 35 anni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ANZIANA UCCISA CON UNA VIOLENTA BOTTA IN TESTA –

La donna assassinata si chiamava Giuseppina Orobello, 71 anni. È stata uccisa nella sua casa a Bagheria, grosso comune alle porte di Palermo. La vittima era all’interno della sua abitazione ed è stata colpita alla testa. La botta violenta le ha provocato una profonda ferita che è stata letale La figlia del convivente della vittima ha trovato il cadavere in una pozza di sangue, riverso sul pavimento.
Nel momento dell’omicidio sarebbe stato presente nell’appartamento anche il compagno della donna. L’uomo gravemente malato, era a letto e non avrebbe assistito all’assassinio. Il sospettato dell’omicidio è un vicino di casa, Toni Lanza di 35 anni, il quale è stato interrogato per diverse ore nella caserma dei carabinieri dove al termine non avrebbe ammesso il delitto.Ll’allarme è stato lanciato dalla figlia del convivente. La donna ha le chiavi dell’abitazione di via Salvator Rosa, poiché assiste il padre che è gravemente malato. La figliola, come ogni mattina era passata per verificare le condizioni del papà e aiutare Giuseppina a pulirlo e preparare il pranzo.
Quando arrivata ha trovato la porta chiusa e ha chiamato il 118 e i carabinieri. L’omicidio è stato consumato verso le 10. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima avrebbe aperto la porta al suo assassino e sarebbe stata colpita con un oggetto, forse un coltello. Sono ancora in corso le ricerche dell’arma.
I militari sono entrati subito in azione e hanno ascoltato diverse persone, hanno rintracciato e condotto in caserma un vicino di casa di 35 anni con il quale la vittima avrebbe avuto dissidi da qualche tempo. Per tutto il giorno gli investigatori, coordinati dal sostituto procuratore di Termini Imerese Paolo Napolitano, hanno continuato ad ascoltare una serie di testimoni e residenti della palazzina. Sono stati loro a riferire degli screzi tra la vittima e il condomino, che vive in un appartamento con la madre.
Piccole beghe di vicinato, incomprensioni caratteriali che potrebbero avere scatenato la violenta reazione. L’uomo soffrirebbe di un ritardo psichico, ma finora non avrebbe dato adito a possibili comportamenti aggressivi. Anzi, chi lo conosce bene, parla di un uomo disponibile a svolgere piccole commissioni per conto dei condomini in cambio di qualche spicciolo. Stavolta però qualcosa potrebbe essere andata male. Questo il sospetto che avrebbe fatto scattare l’aggressione nei confronti della donna colpita con ferocia e lasciata nel salone di casa in un lago di sangue. Sul luogo del delitto hanno lavorato i carabinieri della sezione scientifica. Si  cercano tracce che possano far identificare l’assassino.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook