FORMAZIONE SICILIA, TAR ACCOGLIE SOSPENSIVA AVVISO 8

FORMAZIONE SICILIA, TAR ACCOGLIE SOSPENSIVA AVVISO 8

I giudici del Tribunale amministrativo di Palermo hanno accolto il ricorso formulato da circa venti enti di formazione siciliani che chiedevano il blocco dell’Avviso 8 emanato dalla Regione Siciliana.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FORMAZIONE SICILIA, TAR ACCOGLIE SOSPENSIVA AVVISO 8 –

Il Tar di Palermo accoglie la sospensiva presentata da più di dieci enti di formazione i quali chiedevano il blocco dell’Avviso 8, il mega-bando da 136 milioni che presto dovrebbe consentire la ripresa dei corsi, fermi da un anno e mezzo.
La graduatoria definitiva, recentemente approvata dall’assessorato alla Formazione guidato da Bruno Marziano, non è piaciuta a un nutrito gruppo di enti che hanno impugnato di fronte al Tar l’elenco con i finanziamenti approvati dalla Regione.
Gli enti che hanno presentato il ricorso sono numerosi e quelli a cui sono state accolte le sospensive sono: Enaip Caltanissetta; Associazione Politea; Cooperativa sociale Pegaso; Unci; Eap Fedarcom; Efal Palermo; Mathesis; Centro Studi e Ricerche; Ecap Catania ed Ecap Trapani Human Capital. Tuttu difesi dagli avvocati Gigi Rubiuno, Lucia Alfieri e Calogero Marino.
A puntare il dito contro la graduatoria regionale diverse istanze di sospensione presentate da un gruppo numeroso di enti esclusi dall’elenco che assistiti dagli avvocati Girolamo Rubino, Calogero Marino e Lucia Alfieri, hanno contestato la distribuzione dei fondi e ribellandosi contro i “vizi” di quell’Avviso.
Nel corso del dibattimento è stato ribadito il mancato rispetto dei criteri sanciti dal Piano operativo del Fondo sociale europeo. L’Avviso, infatti, è finanziato attraverso i fondi comunitari. Che fissano, tramite i Comitati di sorveglianza, i limiti entro i quali restare se si vuole accedere a quei contributi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook