Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AGGREDISCE LA EX, LA AFFERRA PER I CAPELLI E LA TRASCINA, ARRESTATO

AGGREDISCE LA EX, LA AFFERRA PER I CAPELLI E LA TRASCINA, ARRESTATO

Un pizzaiolo dopo l'ennesima aggressione alla ex fidanzata le sbarra la strada la afferra per i capelli e la trascina sull’asfalto. I carabinieri lo avevano seguito e lo hanno arrestato. Durante la perquisizione all’interno della sua vettura è stato trovato un martello. La vittima ventiduenne lo aveva denunciato dopo mesi di vessazioni.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

AGGREDISCE LA EX, LA AFFERRA PER I CAPELLI E LA TRASCINA, ARRESTATO –

Un pizzaiolo di 22 anni, residente a Misterbianco è stato arrestato dai carabinieri di Mascalucia per atti persecutori e percosse alla sua ex fidanzata. La ragazza, sua coetanea, all’inizio dell’anno lo  aveva lasciato. Dopo è stato un susseguirsi di vessazioni con appostamenti, pedinamenti, frasi intimidatorie tramite sms e social network fino a giungere alle aggressioni fisiche (strattonamenti e schiaffi) e minacce di morte. Era arrivato anche a mostrarle in più occasioni un coltello. L’uomo aveva generato nella vittima stati d’ansia che l’hanno spinta a chiedere aiuto ai carabinieri.
Ai militari aveva raccontato il calvario patito negli ultimi mesi. La giovane ha raccontato come l’ex fidanzato, il giorno prima, dopo averla seguita in auto da Mascalucia fino al posto di lavoro a San Pietro Clarenza, l’aveva costretta a un faccia a faccia chiarificatore. L’ennesimo “no” espresso dalla ragazza le era costato il danneggiamento dell’auto che il soggetto aveva presa a calci per rabbia.
Ieri mattina, i carabinieri, senza che la ragazza lo sapesse, l’hanno seguita da casa fino al posto di lavoro e hanno sorpreso l’uomo, nascosto nell’auto, che l’attendeva per pedinarla. Giunto in una zona isolata, in contrada Massannunziata, con una manovra repentina le ha tagliato la strada costringendola a fermarsi. Sceso dall’auto il ragazzo le ha aperto lo sportello e afferrandola per i capelli l’ha trascinata sull’asfalto.
Intuendo l’imminente pericolo, i militari sono immediatamente intervenuti e dopo una breve colluttazione lo hanno ammanettato. Un particolare inquietante si è registrato poco dopo l’arresto del giovane aggressore quando i carabinieri perquisendo l’auto hanno trovato e sequestrato un grosso martello, posto sul tappetino lato passeggero. L’aggressore, dopo essere stato interrogato è stato tradotto nel carcere di Piazza Lanza a Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook