Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TARGA FLORIO, TRAGICO INCIDENTE 2 MORTI

TARGA FLORIO, TRAGICO INCIDENTE 2 MORTI

Giuseppe Laganà, 56 anni, commissario di gara e il pilota 53enne Mauro Amendolia hanno perso la vita. Mentre la navigatrice della vettura, figlia del guidatore è Gravemente ferita. La Procura di Termini Imerese ha disposto l'autopsia dei corpi. Si indaga sulle cause dell’incidente mortale.

 

 

TARGA FLORIO, TRAGICO INCIDENTE 2 MORTI –

Tragico incidente durante lo svolgimento della storica competizione automobilistica ‘Targa Florio’ che si svolge ogni anno nel palermitano.
Durante la prova speciale a Piano Battaglia una vettura in gara ha sbandato ed è uscita fuori strada. L’auto in corsa ha travolto un commissario di gara che è morto. Ha perso la vita anche il conducente dell’auto da corsa. Ferito il navigatore che era a bordo del mezzo e si trovava al fianco del guidatore. Per la tragedia sopravvenuta la gara è stata sospesa.
Intanto la procura di Termini Imerese (Pa) ha aperto un’inchiesta sull’incidente che è costata la vita al pilota Mauro Amendolia e al commissario di percorso Giuseppe Laganà.
Nell’impatto è rimasta ferita anche la figlia di Mauro, Gemma. Sui corpi delle due vittime è stata disposta l’autopsia e ordinata una perizia tecnica sull’auto.
Si sta lavorando per stabilire se tra le cause dell’incidente si possa essere verificato un guasto alla vettura o sopravvenuto un malore al pilota Mauro. L’incidente è avvenuto nella prova speciale 1 di Piano Battaglia, vicino alla postazione 30, quella affidata al commissario di gara deceduto, ed in un tratto di rettilineo che segue una curva sinistra con una successiva curva a destra.
Il mezzo da corsa ha travolto il commissario e nell’impatto si è ferita la figlia di Amendolia, Gemma, 26 anni, che ricopriva per l’occasione il ruolo di navigatrice. La giovane donna dopo un primo ricovero a Petralia dove le è stato diagnosticato un grave trauma cranico è stata poi trasportata con l’elicottero del 118 all’ospedale Civico di Palermo.
Marco Cascino, direttore di gara della Targa Florio durante la conferenza stampa ha sottolineato: «L’equipaggio dell’auto, secondo regolamento si può alternare alla guida. L’incidente in cui sono morti il pilota Mauro Amendolia e il commissario di percorso Pippo Laganà, è avvenuto in un rettilineo dopo la postazione 30. Al momento dell’incidente non c’era nevischio e la strada si andava asciugando. Il commissario era a due metri dalla sede stradale e in posizione sopraelevata». Il direttore di gara ha riferito che la camera in dotazione alla vettura dell’equipaggio 29 è stata consegnata agli inquirenti che dovranno accertare le cause dell’incidente. E ancora Cascino ha aggiunto: «Non siamo riusciti a comprendere bene l’accaduto ma speriamo dagli esami successivi e dai rilievi delle forze dell’ordine che si possa ricostruire la dinamica».
Mauro Amendolia e la figlia Gemma erano iscritti col numero 29 alla Targa Florio nelle prove valide per il campionato italiano di rally assoluto conduttori. Entrambi gareggiavano con una Bmw mini cooper Jcw per la scuderia Messina racing team. E’ risaputo che la famiglia Amendolia, composta da Mauro e le figlie Valentina e Gemma, sono appassionati di corse automobilistiche di rally ed entrambe le giovani gareggiavano come piloti.
Giuseppe Laganà travolto e ucciso durante la gara di oggi, originario di Lentini, in provincia di Siracusa ed era considerato un uomo molto religioso. Padre di due figli, 56 anni, era commissario di percorso della Targa Florio e faceva l’escavatorista a Catania.
L’anno scorso l’equipaggio composto da Gemma e Valentina, su Mini Jcw aveva partecipato al 13simo Rally del Tirreno. Il Messina racing team partecipa ai vari appuntamenti del campionato italiano rally.
Amendolia, 52 anni, era un perito assicurativo e consulente di infortunistica stradale, e aveva un ufficio in via Giuseppe Natoli a Messina. Da sempre era appassionato di corse automobilistiche, passione che ha trasmesso alle figlie, Gemma, 26 anni, e Valentina. Gemma si era laureata lo scorso marzo in Architettura all’università di Reggio Calabria e durante l’estate lavorava in un lido balneare per mettere da parte un po’ di soldi.
Mauro Amendolia aveva gareggiato in altre edizioni della Targa e nella città dello Stretto aveva organizzato il Messina Rally Day. La moglie di Amendolia, Rosaria Villari è il presidente del team Messina racing.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook